mercoledì 21 Aprile 2021
HomeItaliaAggressione mafiosa a giornalista, la polizia arresta due uomini

Aggressione mafiosa a giornalista, la polizia arresta due uomini

Cosenza. Sono finiti agli arresti domiciliari i due aggressori del giornalista che a Cosenza gestisce la testata informatica “Iacchitè.blog”.

I due uomini sono ritenuti vicini alla cosca di ’Ndrangheta Lanzino-Patitucci e sono accusati di essere i responsabili di un’aggressione intimidatoria avvenuta a settembre nei pressi della redazione del giornale telematico.

Si è trattato di un vero e proprio agguato nel quale, tra calci e pugni, i due hanno intimato chiaramente al blogger di non occuparsi più di un’inchiesta giudiziaria a carico di un avvocato cosentino e di non pubblicarne più le foto.

Grazie ai numerosi testimoni e alle riprese delle telecamere di sorveglianza, gli agenti della Squadra mobile hanno individuato gli aggressori, riuscendo anche a dimostrare l’aggravante delle modalità mafiose con le quali è stata posta in essere l’aggressione.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti