mercoledì 2 Dicembre 2020
Home Appuntamenti Al concerto dell'Epifania di Napoli "il violino di Auschwitz"

Al concerto dell’Epifania di Napoli “il violino di Auschwitz”

NAPOLI. Al concerto dell’Epifania il violino proveniente dal campo di concentramento di Birkenau ad Auschwitz. L’appuntamento al teatro Mediterraneo della mostra d’Oltremare venerdì 4 gennaio.

Una storia, un dramma, che vibreranno nelle corde del prezioso violino posseduto dalla giovane Eva Maria Levi, che il 6 dicembre 1943 portò con sé nel terribile viaggio, dal quale non fece più ritorno, al campo di concentramento di Birkenau ad Auschwitz. Il violino, fu poi recuperato da suo fratello Enzo, “presente” tra i cinque sopravvissuti che fecero ritorno da Birkenau. Cinque su duecentoquarantatré deportati, in quella terribile data “dicembrina”. Il prezioso e significativo strumento risuonerà nel “XXIV Concerto dell’Epifania” venerdì 4 gennaio al teatro Mediterraneo di Napoli e sarà trasmesso il 6 gennaio su Rai Uno alle 9,30. Il violino, conservato al Museo Civico di Cremona, è stato reso disponibile da Carlo Alberto Carutti,  ingegnere milanese, che possiede una preziosa collezione di strumenti a pizzico, la più prestigiosa di tutta Italia. Gli antichi strumenti sono stati tutti restaurati e attualmente sono funzionanti. Sarà la violinista milanese Alessandra Sonia Romano a suonare con estrema delicatezza e profondo rispetto questo “suggestivo” strumento, che ha percorso il tunnel più buio della storia dell’umanità, attraendo su di sé la più temibile delle paure, la morte. Ma il suo legno è sopravvissuto, ha continuato a ripercorrere la storia e oggi è divenuto simbolo muto della lotta ad ogni tipo di discriminazione religiosa, razziale e sessuale. Le note emesse venerdì 4 gennaio, da quelle preziose corde, grideranno gli orrori di quegli anni ad Auschwitz, con il tema della colonna sonora di “Schindler’s list “. Ma la sua presenza al teatro Mediterraneo, il suo essere sopravvissuto, sarà anche il simbolo non solo della speranza ma anche della memoria, affinché l’umanità continui a combattere ogni forma di razzismo. L’evento è stato promosso dall’Associazione Oltre il Chiostro onlus, realizzato con il contributo della Regione Campania e del Comune di Napoli ed è stato prodotto per la RAI dalla Melos International di Dante Mariti in collaborazione con l’Associazione Musica dal mondo. La conferenza stampa giovedì 3 gennaio al Refettorio del complesso di Santa Maria la Nova.

- Advertisement -

 

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Addio a Maria Polise, aveva gestito il I° Tabacchi di Somma

Somma Vesuviana. È mancata all'affetto dei suoi cari Maria Polise, 84 anni, conosciuta come "à Tabbacara". La signora, infatti, aveva gestito per...

CAPRI. Caprisius Gin – Special Edition

Il gin ufficiale dell’isola di Capri lancia con uno spot una bottiglia-gioiello a forma di faraglione “Realizzare la Special Editiondi Caprisius è stata davvero una...

Campania, Patriarca (FI): De Siano lasci coordinamento partito

Il capogruppo regionale: «Basta politica che divide invece di unire». NAPOLI – «Il presidente Silvio Berlusconi è stato chiaro: bisogna rinnovare. Riprendere il dialogo con...

I centri storici: Concorso fotografico bellezze contemporanee

L’organizzazione generale è stata curata dalla Associazione Flegrea Photo in collaborazione con il Comitato Organizzatore, composto da Francesco Soranno, Concetta Marrazzo, Antonio Ciniglio e...

Il Comune buca il pavimento medievale del Casamale. Arci, Legambiente e I.RE.S.CO.L scrivono al Parco

Somma Vesuviana. Il Comune ha bucato il pavimento medievale del Casamale per inserire dei paletti in ghisa. Sulla vicenda intervengono le associazioni Arci...
- Advertisment -