venerdì 3 Febbraio 2023
HomeAttualitàAl liceo Carducci di Nola le selezioni regionali delle Olimpiadi di "Debate"

Al liceo Carducci di Nola le selezioni regionali delle Olimpiadi di “Debate”

NOLA. SELEZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA PER LA SECONDA EDIZIONE DELLE OLIMPIADI DI DEBATE

Il giorno 11 febbraio 2019, con inizio alle ore 0930 nella splendida cornice dell’Istituto Vescovile, in Via Seminario 53, il liceo classico “Giosuè Carducci”, organizzerà la selezione regionale delle Olimpiadi di Debate, d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale. Il Carducci si pone così come istituto capofila della regione Campania per l’implementazione del Debate.
La cerimonia di apertura avrà luogo nell’Aula Magna, con inizio alle ore 0930 con i saluti di:
– Assunta Compagnone, Dirigente Scolastico del Liceo Carducci (Scuola Polo Campania);
– Luisa Franzese, Direttore Scolastico dell’Ufficio Scolastico Regionale della Campania;
– Don Gennaro Romano, Rettore dell’Istituto Vescovile;
– Benedetto Di Rienzo, Comitato Organizzatore Olimpiadi Nazionali Debate.

Ottanta debaters si scontreranno a suon di argomentazioni da posizioni pro e contro, su due temi, uno preparato inviato dall’Istituto Tecnico Economico “Enrico Tosi” di Busto Arsizio, istituto capofila “I singoli Stati della UE dovrebbero rinunziare ai propri eserciti nazionali a vantaggio di un unico esercito della UE” e l’altro impromptu – comunicato solo un’ora prima dell’inizio della gara – fino al dibattito finale tra le prime due squadre classificate. Di queste solo la prima squadra andrà alle Olimpiadi.
In sintesi, la “competizione” scolastica coinvolgerà venti squadre appartenenti di altrettante scuole, della secondaria di secondo grado delle cinque province campane e vedrà impegnati 20 giudici della stessa regione che valuteranno per ogni round le performance distinte per contenuto, stile e strategia.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti