sabato 4 Febbraio 2023
HomeAppuntamentiAMALFI: APPUNTAMENTI PROMOSSI DAL CENTRO DI CULTURA E STORIA AMALFITANA

AMALFI: APPUNTAMENTI PROMOSSI DAL CENTRO DI CULTURA E STORIA AMALFITANA

Amalfi, Biblioteca Comunale, giovedì 3 novembre 2022, ore 17.00 – Presentazione del volume di Dieter RICHTER, Con Gusto. Il Grand Tour della cucina italiana, traduzione di Alida Fliri Piccioni, edizione Centro di Cultura e Storia Amalfitana 2022.

Giovedì 3 novembre, alle ore 17.00, presso la Biblioteca Comunale di Amalfi si terrà la presentazione del volume di Dieter RICHTER, Con Gusto. Il Grand Tour della cucina italiana, traduzione di Alida Fliri Piccioni. Dopo gli indirizzi di saluto, il volume di Richter sarà analizzato da Marino Niola ed Elisabetta Moro, dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, tra i massimi esperti di Dieta Mediterranea, da Alida Fliri Piccioni traduttrice dell’opera e Olimpia Gargano dell’Università di Nizza.

In particolare, nel dibattito coordinato da Giovanni Camelia, Direttore del Comitato Scientifico del Centro di Cultura e Storia Amalfitana, si parlerà dei Luoghi della dieta mediterranea e la cucina italiana.

Chi, al tempo di Goethe, partiva per un viaggio in Italia, cercava il piacere per gli occhi, non le delizie del palato. Per secoli i visitatori del Nord considerarono la cucina italiana immangiabile e nociva alla salute. Maccheroni? Un ripugnante groviglio di vermi. Pizza? Una focaccia indigeribile! E addirittura i cosiddetti frutti di mare? Pfui, chi vorrà mai mangiare una cosa simile! Molto tempo è dovuto trascorrere perché la curiosità rendesse familiare il gusto estraneo. E perché la cucina italiana conquistasse il mondo.

Limonai e venditori di arance ambulanti furono i primi a esportare al Nord i frutti del Sud. Poi vi portarono l’aura meridionale le gelaterie. Con l’emigrazione italiana, dapprima verso gli USA, ebbe inizio la marcia trionfale della pizza. E il «Ristorante italiano», dove i turisti tedeschi sull’Adriatico entravano con timidezza, si trasformò nel «Lieblingsitaliener», «l’italiano preferito» vicino a casa, che ha ormai conquistato anche le aree di campagna. Nel giro di solo due generazioni la cucina italiana ha modificato radicalmente la cultura culinaria. E con il concetto della dieta mediterranea, dichiarata nel 2010 dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità, l’antica utopia umana della buona vita risplende più luminosa che mai dal Sud.

Dieter Richter racconta, sulla base di numerose fonti inedite, la storia di questo processo di meridionalizzazione del Nord. E spiega come «Pasta & Pizza» sia potuta diventare la cifra della modernità globale.

NOVITA’ EDITORIALI

Amalfi e la Calabria. Interscambi economici, sociali, culturali e artistici tra Medioevo ed Età Contemporanea. Atti del Convegno di Studi – Amalfi, 14-15 dicembre 2018. Amalfi 2021, pp. 439, ill.

Stefan ANDRES, Amata Positano. Racconti dal Sud, a cura di Dieter RICHTER, traduzioni di Olimpia GARGANO. Amalfi 2021, pp. 175.

Giuseppe VITOLO, Il lessico rurale della Costiera Amalfitana e della Penisola Sorrentina. Terrazzamenti, macere, viticoltura, limonicoltura, olivicoltura, lavorazione del carbone. Volume II. Amalfi 2021, pp. 295, ill

Il Centro di Cultura e Storia Amalfitana ricorda che è possibile destinare all’Associazione il cinque per mille dell’IRPEF senza alcun onere aggiuntivo e senza rinunciare alla scelta dell’otto per mille

Come fare?

Per destinare il cinque per mille al Centro di Cultura e Storia Amalfitana, basta segnalare la scelta al commercialista o al CAF al momento della compilazione della dichiarazione dei redditi, apponendo la firma nella relativa casella (Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative etcc) indicando poi anche il codice fiscale del Centro di Cultura e Storia Amalfitana: 95001840651=

Centro di Cultura e Storia Amalfitana – Supportico S. Andrea, n. 3 – 84011 Amalfi (SA)

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti