lunedì 20 Settembre 2021
HomePoliticaAmministrative a S.Antimo, controlli della municipale sui manifesti elettorali

Amministrative a S.Antimo, controlli della municipale sui manifesti elettorali

SANT’ANTIMO. Consultazioni amministrative, guardia alta degli agenti della polizia municipale, azioni preventive e controlli a raffica, coperti alcuni manifesti ed elogi da alcuni esponenti.

Attività preventive, informazioni sul corretto utilizzo degli spazi elettorali e delle affissioni, controlli tesi a garantire il corretto svolgimento della propaganda elettorale, questo quanto sta succedendo sul territorio. Già in occasione delle consultazioni amministrative svoltesi nel corso dell’anno 2012 sul territorio santantimese, da pochi mesi insediatosi su quel territorio il nuovo comandante del Corpo della Polizia Municipale, Magg. Avv. Biagio Chiariello, cambiava la cultura in essere su quel territorio. Non più manifesti elettorali nei posti impensabili, circa venti gli aspiranti alla carica di consigliere comunale sanzionati con manifesti rimossi, e quant’altro teso a garantire un corretto decoro urbano e ordine del territorio. A conclusione delle attività, pervenne anche una nota di elogio da parte dell’allora Prefetto di Napoli. In occasione di questa tornata elettorale relativa alle consultazioni amministrative, gli uomini del Comandante Chiariello, hanno già operato un programma di controlli e prevenzione prima della data di apertura della campagna elettorale. Numerose le attività messe campo, tra cui lo spostamento della maggior parte del personale  a pattugliare il territorio, la convocazione di tutti i candidati alla carica di Sindaco alla riunione avente ad oggetto le modalità di affissione  e informazione rivolte ad ottenere collaborazione da parte di tutti e, soprattutto, incontro dove è stata portata a conoscenza l’ultima circolare del Prefetto di Napoli contenente indicazioni al fine di garantire una corretta affissione dei manifesti. In tale occasione sono anche stati stabiliti i criteri relativi allo svolgimento dei comizi che dovranno essere intervallati da minimo 30 minuti l’uno dall’altro al fine di evitare problematiche di ordine pubblico.

Ovviamente, a ciò non è mancata una immediata attività repressiva volta a coprire alcuni manifesti elettorali posti in spazi assegnati ad altri candidati dove gli agenti, unitamente al personale del servizio di defissione, hanno prontamente coperto tali manifesti con degli adesivi “Propaganda elettorale abusiva”. Nella mattinata odierna sono in corso dei pattugliamenti sul territorio per verificare eventuali anomalie e prontamente sanzionarle. I controlli hanno riguardato anche parti del territorio a confine con Sant’Antimo sanzionando alcuni candidati di quel comune per affissione su parti della via Appia, strada intercomunale.

Non sono mancati apprezzamenti ed elogi da parte di alcuni esponenti, come un Senatore del movimento 5 stelle giunto ieri a Sant’Antimo per un comizio, il candidato Italia e altri, per l’ordine nei controlli effettuati.

Le attività del Maggiore Chiariello saranno doppie in quanto, anche sul territorio di Arzano, sove regge il Comando su direttive di una Commissione Straordinaria, sono in corso le stesse incombenze con una attività volta a ristabilire le regole in un territorio particolarmente delicato.

Supporto viene garantito anche dagli uomini della Polizia di Stato di Frattamaggiore e della Tenenza Carabinieri di Sant’Antimo per le attività di controllo e, non si escludono, controlli congiunti visti i rapporti di correttezza professionale tra i Corpi.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti