domenica 27 Settembre 2020
Home Attualità Anche a Napoli le pietre d'inciampo in memoria dei martiri del nazifascismo

Anche a Napoli le pietre d’inciampo in memoria dei martiri del nazifascismo

NAPOLI. Anche a Napoli le pietre d’inciampo per non dimenticare. Martedì 7 gennaio alle ore 9.30 l’Assessore alla Cultura e al Turismo Eleonora de Majo, i proponenti Alfredo Cafasso Vitale e Nico Pirozzi con l’artista Gunther Demnig installeranno a piazza Borsa, all’altezza del civico 33, le pietre d’inciampo in memoria dei martiri napoletani del nazi-fascismo.

L’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli ha accolto con favore nei mesi scorsi la proposta avanzata dai giornalisti Alfredo Cafasso Vitale e Nico Pirozzi di commemorare le vittime della barbarie nazi-fascista attraverso l’istallazione a Napoli delle cosidette Stolpersteine o pietre di inciampo.
Le pietre di inciampo saranno dedicate alla memoria di Amedeo Procaccia, Iole Benedetti, Aldo Procaccia, Milena Modigliani, Paolo Procaccia, Loris Pacifici, Elda Procaccia, Luciana Pacifici, Sergio Oreste Molco, tutti membri della comunità ebraica di Napoli, costretti ad abbandonare le proprie case al momento della promulgazione delle leggi razziali per cercare rifugio altrove, tutti arrestati e deportati ad Auschwitz e assassinati dalla furia nazista.
L’artista che realizzerà l’installazione è il tedesco Gunther Demnig; le sue creazioni, le Stolpersteine, avviate in Germania nel 1995, sono ormai presenti in numerose città europee, per depositare, nel tessuto urbanistico e sociale delle città , una memoria diffusa delle migliaia e migliaia di ebrei che furono deportati verso i campi di lavoro e prigionia e poi sterminati.
Viviamo anni in cui il mondo sembra aver smarrito la memoria di quanto accaduto e rigurgiti di ideologie che nel passato hanno causato orrore e morte sembrano riaffiorare. Oggi più che mai diventa imprescindibile lasciare indelebili i segni di quanto accadde, i nomi, le date di nascita e quelle di morte, i luoghi in cui hanno vissuto le vittime della follia omicida di chi per motivi di razza, lingua, sesso, religione o condizione economica si è arrogato il diritto di eliminare milioni di esseri umani.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Covid. L’incubo di una famiglia di Cisterna: “Da giorni attendiamo risposte”

CASTELLO DI CISTERNA. Una vera e propria Odissea quella che sta vivendo una famiglia residente a Castello di Cisterna; mamma, papà e bimbi sono...

Bimbi al sicuro. Sequestrati 35mila articoli dannosi, 11 denunciati

Ottaviano. Garantire che i prodotti usati a acuola dai bambini siano sicuri, con questo scopo i Reparti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza...

Anziana derubata dalla badante. I preziosi ritrovati nel frigo

PORTICI. I carabinieri della Stazione di Portici hanno denunciato per furto aggravato una 41enne di origine romena. La donna badante di una 85enne, solo...

Premio Internazionale “Ambasciatore del Sorriso” a S.Vitaliano

SAN VITALIANO. Nell’auditorium di San Vitaliano (NA) si svolgerà sabato 26 Settembre 2020, a partire dalle ore 18:00, la settima edizione del prestigioso Premio...

Saviano. Covid, focolaio alla Casa di Riposo. L’intervento dell’Asl

SAVIANO. A seguito del ricovero presso l’ospedale di Nola di un’ospite per un sospetto attacco ischemico transitorio (tia), avvenuto lo scorso 17 settembre 2020,...
- Advertisment -