lunedì 8 Agosto 2022
HomePoliticaAnomalie nelle "agevolazioni TARI", denunciato dirigente del Comune

Anomalie nelle “agevolazioni TARI”, denunciato dirigente del Comune

Somma Vesuviana. Troppe anomalie e discordanze nei bandi relativi alla assegnazioni di agevolazioni ai cittadini riguardo la Tari, tassa sui rifiuti. Troppe e particolari e non potevano passare inosservate, tanto che sono finite al centro di una denuncia di 28 pagine presentata ai carabinieri da parte di Crescenzo De Falco, già presidente della commissione Trasparenza del Comune di Somma Vesuviana nella precedente consiliatura, nonché più volte consigliere comunale.
In particolare De Falco denuncia di essere venuto a conoscenza dell’adozione “da parte del Responsabile della Posizione Organizzativa 2 dott. Francesco Saverio BARONE – della determina reg. gen. n. 1620 del 16/11/2021, con la quale il succitato Responsabile ha provveduto all’approvazione delle “agevolazioni in materia TARI a favore di utenti in condizioni di disagio economico-sociale, per annualità 2021”, disponendo ed adottando anche in termini innovativi rispetto al Regolamento TARI (Cfr. allegato sub lettera “A”).
Con il predetto atto, pertanto, il Responsabile dianzi indicato ha posto mano in materia Regolamentare, contravvenendo all’evidente principio di ripartizione delle competenze, essendo tale tematica (ovvero quella regolamentare) di stretta ed esclusiva competenza dell’organo consiliare, ovvero del consesso di massima rappresentanza dell’Ente, in tal guisa ed a tal fine individuato proprio nell’ottica della celebrazione di una discussione democratica, svolta con modalità partecipative estese, del corpo rappresentativo eletto dal corpo elettorale, con lo scopo di creare i giusti contrappesi per l’adozione di atti ricadenti sull’intera collettività (ancor più se si discuta di atti regolamentari, afferenti all’accesso ad agevolazioni tributarie a favore della parte di collettività maggiormente attinta da problematiche economiche). A fronte di tale abnormità, il deducente ha inoltrato debita segnalazione, agli organi competenti ed al medesimo Responsabile di P.O. interessato, affinché si procedesse all’annullamento in autotutela di quel provvedimento confluito nella determina adottata, ovvero di quella parte di esso che costituisce e costituiva il sostrato di un profondo slabbramento dal dettato legislativo, produttivo di evidenti danni a carico della collettività tutta, sia di quella che sarebbe rientrata nel novero dei beneficiari della prevista agevolazione, sia di quella che ne sarebbe rimasta ingiustamente esclusa, poiché il tutto effettuato e deciso sulla scorta di un sottostante provvedimento, oggettivamente ed indissolubilmente illegittimo e nullo, per essere stato emanato da organo incompetente in via assoluta ad emetterlo (ci si riferisce, ovviamente, al comparto regolamentare, non già attuativo di quello precedentemente adottato dal Consiglio Comunale di Somma Vesuviana, ma del tutto in-novativo ed istitutivo di altri e diversi principi regolatori)”. Ma non è servito segnalare, spiega De Falco che aggiunge altro nel suo esposto: “Neppure tale atto di diffida sortiva l’effetto sperato, rimanendo del tutto privo di riscontro ed anzi l’Ente – per quanto a conoscenza di una così evidente distonia con il sistema legislativo discendente dal TUEL (Testo Unico degli Enti Locali), come pure di quello ricavabile – aliunde – dallo Statuto Comunale -, dava ulteriore corso alla procedura, disponendo successivamente per l’approvazione dell’elenco degli assegnatari dei benefici e non solo, ma altresì adottando – sempre per il tramite del già citato Responsabile della P.O. 2 – ulteriore determina contenente innovazioni ed istituzioni regolamentari (ci si riferisce alla determina reg. gen. n. 1899 del 30/12/2021, con cui è stata approvata un’ulteriore agevolazione in materia TARI a favore di utenti in condizioni di disagio economico-sociale, per annualità 2021) e procurandosi l’informativa alla collettività attraverso la collocazione di ulteriori manifesti murali. Con tale ulteriore atto, il Responsabile della P.O. 2 mostra un’evidente propensione ad accaparrarsi delle funzioni altrui, con oggettiva usurpazione della sfera di competenza propria dell’organo consiliare (limitandoci al caso di specie) e così producendo – per tale via – non solo un atto nullo, poiché emesso da organo incompetente a farlo, ma altresì consumando un oggettivo vulnus alla legge, tale da assurgere a sistemica introduzione di un modus operandi, funzionale a perseguire – in maniera impropria (per così definirla) – una finalità locupletativa e dispregiativa di competenze”. Tutto ciò premesso l’ex consigliere comunale, oggi esponente di Primavera Sommese, movimento politico attivo in città, sottolinea agli inquirenti, in questo caso i carabinieri e dunque la Procura di Nola, di come “l’inerzia mostrata a fronte delle segnalazioni ed inviti fatti”, acuita dall’adozione di provvedimenti successivi sempre dello stesso tenore, denotano, secondo De Falco, “un contegno irriguardoso delle normative atte ad evitare la consunzione di provvedimenti che si appalesino in evidente dispregio dei profili di competenza”. Per il quale si chiede “per il rispetto dovuto alla cittadinanza tutta ed alla profonda esigenza che vengano rispettati i principi di legge – rimette il presente esposto, in uno all’intero incartamento riguardante la vicenda innanzi descritta, all’attenzione di Codesto Ufficio affinché voglia vagliare con attenzione l’eventuale consumazione di fattispecie penalmente rilevanti nel caso di specie, stante anche l’utilizzo di fondi pubblici (peraltro attingendo a fondi di diversa natura, come testimonia l’appostamento dell’ulteriore importo di € 40.000,00 di cui alla prima delle determine oggetto di interesse, circostanza che testimonia ancor più quanto innanzi detto), individuando e punendo gli eventuali responsabili”.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti