sabato 23 Ottobre 2021
HomeAttualitàApre il cantiere alla Masseria Ferraioli, bene confiscato alla camorra

Apre il cantiere alla Masseria Ferraioli, bene confiscato alla camorra

Afragola. Una giornata attesa da tempo: è stato aperto stamattina il cantiere alla Masseria Ferraioli di Afragola, un bene confiscato alla camorra. Un progetto da un milione e 400mila euro che accoglierà donne in difficoltà, aule di formazione, dopo ostacoli, minacce e atti vandalici oggi è una grande giornata per la legalità.

Ecco il commento emozionato e condivisibile di Giovanni Russo, direttore della masseria.

“Da oltre 20 anni Cittadini ed Associazioni aspettavano che il Bene Confiscato più grande dell’intera provincia di Napoli, fosse restituito alla collettività.

Dal primo marzo 2017 la superficie di 120 mila metri quadri infatti è stata finalmente assegnata ad una rete di 5 soggetti, con capofila il Consorzio Terzo Settore, che hanno svolto un importante lavoro di recupero del fondo agricolo coinvolgendo 308 famiglie nell’attività degli Orti Urbani ma si attendeva da giugno 2018 che il Comune di Afragola spendesse 1,5 milioni di euro per ristrutturare l’importante corpo di fabbrica, un tempo fortino del clan.

Grazie all’intervento del Commissario Straordinario del Comune di Afragola la Dottoressa Anna Nigro ed i Sub Commissari Dottoressa Cerciello e Dottor Annunziata che hanno lavorato instancabilmente con gli Uffici Comunali, finalmente anche il corpo di fabbrica della Masseria sarà restituita ai Cittadini.

Dove per anni hanno regnato malaffare e poi abbandono, si inizierà a scrivere una nuova pagina di Storia che, grazie ai fondi del PON Legalità 2014-2020 del Ministero dell’Interno, vedrà la nascita di una casa di accoglienza per donne e minori vittime di violenza, uno shop, un’aula per la formazione, una bouvette e numerose altre attività che daranno realmente inizio ad un percorso di riappropriazione e riscatto per un territorio da troppo tempo martoriato dalla camorra.

Deve essere chiaro che questo è solo l’inizio! Ora andrà terminato il cantiere, che ha una durata prevista da bando di 210 giorni, e dato impulso alle importanti attività di cui dovrà essere protagonista la Masseria Antonio Esposito Ferraioli.
E’ solo l’inizio perchè il “mondo” non si ferma alla Masseria ma deve diventare l’esempio di come è possibile, oltre che doveroso, recuperare gli 80 beni confiscati della Città di Afragola: un patrimonio che non può essere ignorato e che deve invece essere volano di economie sane ed opportunità sia lavorative che sociali per il territorio.

Oggi ci fermiamo un giorno per festeggiare questo importante traguardo e ringraziare chi, come il Prefetto di Napoli S.E. Marco Valentini, l’ha reso possibile!
Ringraziamo la CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro che è stata al nostro fianco sin dagli inizi del progetto, presente oggi con compagni di viaggio instancabili come Paolo Masia Responsabile Legalità Cgil Campania e Maurizio Viscione della CGIL Nazionale.
Libera Campania, faro nella gestione dei Beni Confiscati e nella Memoria delle Vittime Innocenti che è intervenuta con il Referente Regionale Mariano Di Palma.
Ringraziamenti che vanno anche alla Comunità degli Orti Urbani che, con le sue 308 famiglie, è la testimonianza quotidiana e concreta che la “lotta paga”!
Ed al Senatore Sandro Ruotolo ed il Presidente della Commissione Antimafia Nicola Morra che, quando eravamo sfiduciati anche verso le Istituzioni Pubbliche, ci hanno “preso per mano” ricordandoci che è il Noi che vince!

Oggi ci fermiamo un attimo per festeggiare, domani torneremo a contrastare concretamente camorra e malaffare”!

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti