domenica 25 Settembre 2022
HomeAttualitàAssociazione animalista stabiese, 25 anni: tante battaglie in difesa degli animali

Associazione animalista stabiese, 25 anni: tante battaglie in difesa degli animali

CASTELLAMMARE DI STABIA. Venticinque anni di attività in difesa degli animali e un desiderio continuare a dare voce e sostegno agli amici a quattro zampe nonostante la crisi e l’indifferenza delle istituzioni.  Soffia sulle 25 candeline l’associazione animalista stabiese . L’appello dei volontari: Aiutateci a non chiudere”.

Tante battaglie alle spalle e l’affetto e l’amore incondizionato dei pelosetti di Castellammare e dintorni.  Da queste parti tutti conoscono la signora Rosaria Boccaccini, energica presidente dell’associazione.  Anima di tante iniziative e campagne di sensibilizzazione. Dalla benedizione degli animali alla Befana animalista, dal Carnevale a quattro zampe al Premio per Fido.

“L’A.D.D.A. in questi anni-ricordano i volontari –  ha organizzato convegni sull’antivivisezionismo scientifico cui hanno partecipato i maggiori esperti d’Italia, ha preso parte e organizzato manifestazioni in varie città d’Italia sui più disparati argomenti animalisti (circhi, zoo, pellicce, corrida e altre manifestazioni implicanti violenza sugli animali, randagismo e in generale tutela dei diritti degli animali) che hanno raccolto le associazioni animaliste più serie e impegnate del Paese. Ancora: si è fatta promotrice nel 1989 del modulo di adozione controllata che è stato poi fatto proprio dall'(allora) USL, della sterilizzazione con reimmissione sul territorio degli animali randagi poi recepita dalla legislazione nazionale, delle figure del “cane di quartiere” e delle “colonie feline” poi disciplinate da varie legislazioni regionali (compresa quella campana), del divieto di affidare complessivamente più di tre animali allo stesso soggetto poi trasfuso nella cd. Circolare Garavaglia. Per oltre 11 anni, l’A.D.D.A. ha gestito un rifugio sul territorio di Gragnano che è arrivato a ospitare circa 250 cani, chiuso nell’anno 2001, con trasporto degli ospiti presso altro rifugio di Boscotrecase ,prescelto dal Comune di Gragnano su indicazione della stessa Associazione, perché l’allora Sindaco della città affermò di voler “riqualificare” l’area dove il rifugio si trovava, tant’è vero  che l’area stessa si è poi trasformata in una sorta di discarica abusiva”.

L’associazione ha continuato tra mille difficoltà a prendersi cura degli animali, nonostante le ristrettezze economiche. Tanti i randagi , aumentati in modo vertiginoso, sicuramente per colpa della crisi,  che la sera grazie ai volontari trovano una ciotola piena. Con la pioggia o con il freddo,  nelle giornate festive o in quelle feriali, i volontari ci sono sempre . Volontari che oggi  lanciano un SOS per aiutare i randagi del territorio chiedendo un piccolo sostegno.

“L’Associazione, si trova ormai da tempo nell’impossibilità economica e operativa di perseguire i propri fini, consistenti non soltanto nell’assicurare la cura e la sopravvivenza degli animali viventi in stato di abbandono, ma anche nel diffondere la cultura animalista e ambientalista soprattutto nelle scuole, con finalità educative. Rendendo inoperativa l’A.D.D.A., si è impedito alla città di Castellammare di costituire una Realtà-Pilota in tema di tutela dei diritti degli animali, facendone un luogo che sotto questo profilo è ormai tornato ad epoca preistorica. Nonostante tutto, però,  l’A.D.D.A. è ancora presente sul territorio, dove si dedica, a prezzo di enormi sacrifici economici e operativi dei volontari, alla cura degli animali randagi e ad iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza, potendo contare, ormai, soltanto sul sostegno di cittadini che ancora, nonostante tutto, crede nella possibilità che un giorno, finalmente, anche la voce di chi voce non ha, gli amici animali, possa essere  ascoltata”.

Per i cittadini che volessero aiutare l’associazione basta fare anche una piccola donazione  ad “ADDA  – Via Plinio Il Vecchio n. 60 – Castellammare di Stabia – 0818704085 – Albo regionale Campania n° 03/A( decreto Presidente G.R. n°07658 del 02/08/95 ) C.C.P.20279808 – Postepay: 4023 6005 9468 8238”

 

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti