lunedì 14 Giugno 2021
HomePoliticaAssociazioni e incontro con il commissario,Pone:"No a passarelle politiche"

Associazioni e incontro con il commissario,Pone:”No a passarelle politiche”

SANT’ANASTASIA. Il candidato a sindaco Carmine Pone non parteciperà all’incontro con il commissario straordinario Stefania Rodà, promosso nei giorni scorsi dal candidato Vincenzo Iervolino e rivolto ai suoi tre competitori alle prossime elezioni comunali. Pone ha incontrato lunedì mattina i rappresentanti delle associazioni di volontariato e del centro diurno che operano con disabili e fasce deboli che, precedentemente, erano ospitate nei locali della Biblioteca Comunale “Giancarlo Siani e che, a causa della nuova destinazione dello stabile ad uso scolastico, si vedono, per il momento, senza ospitalità: la delibera n. 99 del 11/08/2020 con la quale il commissario aveva illustrato due opzioni, ha destato non poche polemiche, scatenando anche una forte protesta dei genitori che hanno mostrato tutto il loro disappunto. «Ho illustrato alle associazioni il nostro Piano – ha dichiarato Carmine Pone, affidando alla sua pagina FB ufficiale le sue considerazioni – Per noi al momento l’unica soluzione da prendere realmente in considerazione è quella ricorrere alla locazione dei locali privati, in particolare quelle disponibili presso l’Istituto Padre Gregorio Rocco. Non è solo una questione economica, ma la riteniamo una soluzione capace di mitigare le conseguenze sociali che le altre opzioni a nostro avviso non garantirebbero».

Secondo Carmine Pone, il Commissario Straordinario si è già espresso, valutando attentamente tutte le opzioni disponibili ed avendo già effettuato la ricognizione degli spazi scolastici esistenti: «L’incontro organizzato quattro giorni prima del giorno delle elezioni – ha concluso – è solo una trovata politica e chi lo ha organizzato lo sa bene. Noi non ci prestiamo a questo gioco, preferiamo la concretezza».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti