sabato 3 Dicembre 2022
HomeCronacaAutocarrozzeria abusiva e ricettazione dei pezzi di ricambio, sequestri e denunce

Autocarrozzeria abusiva e ricettazione dei pezzi di ricambio, sequestri e denunce

POMIGLIANO D’ARCO. Nell’autocarrozzeria abusiva venivano smerciati decine di pezzi di ricambio provenienti da svariate parti di carrozzeria e di motori di dubbia provenienza.

Per i due carrozzieri, gestori dell’officina, gli affari “sporchi” si sono conclusi oggi quando, nel corso di un blitz dei carabinieri della locale stazione, sono stati bloccati e denunciati con l’accusa di ricettazione e violazione alle norme di tutela dell’ambiente. Si tratta di un 49enne di Sant’Anastasia, tra l’altro già noto alle forze dell’ordine, e, di un operaio, incensurato di 26 anni di Pomigliano d’Arco.

Le attività investigative dei militari dell’arma da tempo si erano concentrate nella zona, in particolare sull’attività dell’autocarrozzeria in via Masseria Ciccarelli, gestita dai due denunciati. I carabinieri, nel corso delle perquisizioni all’interno dell’officina hanno rinvenuto svariate parti di carrozzeria e di motori di dubbia provenienza constatando inoltre che la stessa autocarrozzeria non era in possesso della prevista autorizzazione per le emissioni pericolose in atmosfera derivanti dalle lavorazioni con solventi e vernici, né possedeva l’autorizzazione per l’emissione di polveri sottili nonché di quella attestante il regolare smaltimento dei prodotti pericolosi e non degli scarti di lavorazione (ancora solventi e vernici, plastiche e scarti ferrosi). Sono scattati i sigilli di sequestro per l’autocarrozzeria, di 500 metri quadri e per le vetture presenti. I due gestori sono stati denunciati in stato di libertà.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti