giovedì 9 Aprile 2020
Home Politica Autonomia differenziata, la lettera del presidente dell'Anci ai Comuni

Autonomia differenziata, la lettera del presidente dell’Anci ai Comuni

“Autonomia differenziata, cari sindaci facciamoci sentire” la lettera del presidente dell’Anci Domenico Tuccillo a tutti i sindaci e presidenti dei Consigli comunali della Campania. L’obiettivo è aprire, in sede di Assise comunale, un ampio e partecipato dibattito su un’iniziativa che rischia di mettere in discussione il principio dell’unità nazionale e quello della solidarietà tra i territori.

“Egregio Sindaco
Egregio Presidente del Consiglio Comunale
Come è noto, è in corso una discussione sull’autonomia differenziata di alcune Regioni, che dovrà concludersi con l’approvazione di Intese da parte del Parlamento.
Si tratta di un percorso che, come spiegato nella lettera inviata da Anci Campania al presidente della Camera, Roberto Fico, il giorno 5 febbraio 2019, rischia di essere pericoloso sia per i contenuti, in alcuni casi in contrasto con quanto stabilito dalla Costituzione, sia per l’itinerario istituzionale poco trasparente che costringe le Camere al ruolo di semplice notaio di decisioni assunte altrove.

- Advertisement -

Per questo motivo, vorrei sollecitare Sindaci e Presidenti dei Consigli Comunali a favorire una discussione pubblica, nella sede municipale, che coinvolga amministratori, consiglieri, mondo della scuola e dell’impresa, associazionismo.
Comuni e autonomie locali devono impegnare Governo, Parlamento e Regione affinché si riprenda il percorso di un vero federalismo fiscale che parta da servizi, sociali e di istruzione, commisurati ai livelli essenziali di prestazione da garantire su tutto il territorio nazionale. Per questo motivo chiedo ai Sindaci e Presidenti dei Consigli Comunali di concludere questa discussione con un documento da inviare al Capo del Governo, ai Presidenti di Camera e Senato, al Presidente dell’Anci.
L’obiettivo dei Comuni e di Anci Campania è di impedire pericolosi salti nel buio, evitando che queste Intese si risolvano in un accordo bilaterale tra Governo e Regioni del Nord senza che il Parlamento sia chiamato ad esercitare le proprie prerogative su decisioni la cui ricaduta tocca non solo i diretti interessati, ma l’intera comunità nazionale”.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Crisi del Turismo, imprenditore invita il presidente Trump nella sua “casa vacanze”

TORRE DEL GRECO. Il Coronavirus sta "uccidendo" anche il turismo in Italia mettendo in ginocchio migliaia di lavoratori. Da qui l'idea di Andrea Scala,...

Dubbi sulla gestione Coronavirus. 10 domande al sindaco di Somma

SOMMA VESUVIANA. L'emergenza Coronavirus comprende tanti aspetti: il contenimento dei contagi, i controlli del territorio, la sanificazione delle strade, la gestione di pacchi alimentari...

Napoli. Successo per gli streaming ideati dall’assessorato alla Cultura

NAPOLI. La programmazione dell' assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli #NONFERMIAMOLACULTURA compie un mese . Il palinsesto ##NONFERMIAMOLACULTURA organizzato dall' assessorato...

Massa di Somma. Incubo finito per Zeno, l’ex sindaco guarito dal Covid19

MASSA DI SOMMA. L'ex sindaco Antonio Zeno guarito dal coronavirus: "Incubo finito". Secondo tampone negativo per l'ex sindaco di Massa di Somma Antonio Zeno, risultato...

Mezzi di trasporto fermi a Pasqua, presidente Eav: “Evitare affollamento”

NAPOLI E PROVINCIA. Mezzi di trasporto fermi a Pasqua e Pasquetta. Il presidente dell'Eav Umberto de Gregorio: "Utilizzare i mezzi pubblici solo se strettamente...
- Advertisment -