mercoledì 22 Settembre 2021
HomeAttualitàAvvocati Nola. Sesto spiega sua elezione a presidente

Avvocati Nola. Sesto spiega sua elezione a presidente

Nola. Nella seduta consiliare del 25 luglio si è consumata una “dolorosa battaglia” per la difesa dei principi della libertà, dignità e decoro propri dell’avvocatura nolana, fanno sapere alcuni consiglieri dell’Ordine forense che,a pochi mesi dallo svolgimento delle elezioni forensi, ha portato all’ inevitabile  cambio del prestigioso consesso consiliare con l’ elezione a Presidente dell’Avv.to Ciro Sesto .
“La decisione seppur sofferta- afferma il neo presidente Sesto, anche a nome di altri 12 consiglieri –  si è resa necessaria  per porre fine all’atteggiamento dell’ avvocato Domenico Visone il quale, da Presidente, sin dal suo insediamento ha gestito le attività consiliari senza alcun rispetto del Consiglio e dei consiglieri, assumendo atteggiamenti  autocratici,   fino a “strappare” – durante una seduta  – un’ istanza formale a firma di alcuni di loro. Durante alcune  riunioni  inoltre, il Presidente Visone non ha evitato di usare espressioni ed atteggiamenti lesivi della dignità  degli astanti e delle istituzioni nazionali.
Cinque membri della maggioranza – tra cui il Cons. Segretario e il Cons. Tesoriere – hanno richiesto al Presidente, sin dall’ inizio, di aprire un dialogo ed un confronto costruttivo con tutta l’ assise consiliare, o, quanto meno, con i componenti della maggioranza ma, noncurante di tali richieste l’ avv. Visone  non ha modificato il suo comportamento, giungendo addirittura a mortificare la professionalità di alcuni Consiglieri.
 Ciò ha indotto 13 consiglieri su 21, a chiedere le dimissioni del presidente Visone;   a fronte del suo diniego, a formalizzare – con nota n. 2330 del 12 luglio 2019 –  la richiesta di dimissioni, chiedendo in subordine  la “surroga” del Presidente, come da Regolamento vigente.
Giunti alla seduta del 25 Luglio, l’avv. Visone, pur in presenza di richieste formalizzate come da Regolamento, e reiterate in sede di consiglio da 13 componenti sui 20 presenti ( Urraro assente ), in dispregio della disposizione regolamentare,  ha ritenuto che  richieste, pareri e i punti all’ o.d.g. potessero essere messi ai voti solo se egli stesso lo reputasse necessario o opportuno.
Inoltre, capeggiando una sparuta minoranza, stante l’assenza di un consigliere e l’astensione di un altro, ha tentato, invano di sciogliere l’assemblea e di impedire la libera discussione ed il successivo voto, facendo in modo, con atteggiamento ostruzionistico e assolutistico, che la seduta si protraesse sino alle ore 02,25 ed allontanandosi, unitamente a soli 5 consiglieri, solo al momento della votazione  , per “la surroga del Presidente e la successiva  elezione del nuovo Presidente”.
Prendo atto che la mia elezione nasce da una profonda crisi istituzionale e auspico di poter contribuire, con il nuovo gruppo di maggioranza  a far svolgere all’ Avvocatura nolana il ruolo guida avuto dalla nascita del foro di Nola ad oggi nelle sedi locali e nazionali.
L’incarico assunto mi porterà ad agire a tutela esclusiva degli interessi dell’Avvocatura e tentare di realizzare il programma depositato con nota del 12 luglio 2019. Nella speranza che, in sistema democratico,  si prenda atto della volontà della maggioranza assoluta  dei Consiglieri eletti e si prosegua il mandato consiliare con l’ unico intento di rappresentare e servire la Classe”.

Un commento sulla questione lo abbiamo chiesto anche alla consigliera segretario Sonia Napolitano: “C’era la necessità di dare nuovo impulso all’attività consiliare, in un momento cruciale per la categoria. Le problematiche sono tante e richiedono soluzioni rapide ed efficaci. Ci sono i giovani avvocati e in particolare le avvocate, che invocano maggiore attenzione, in quanto sono loro a subire maggiormente gli effetti negativi dell’impoverimento economico della categoria. Non ci dimentichiamo che la professione forense contribuisce, con la sua funzione, al bene comune, alla tutela dei diritti dei cittadini, e al funzionamento della giurisdizione nel nostro Paese”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti