venerdì 23 Aprile 2021
HomeAppuntamentiBlandizzi, oggi si racconta su Rai Isoradio

Blandizzi, oggi si racconta su Rai Isoradio

Oggi.ore 18:15 a Rai Isoradio, nella rubrica “Autostop”, sale a bordo il cantautore Lino Blandizzi intervistato da Alessandro De Gerardis. Un “viaggio virtuale” per raccontare i suoi trent’anni di carriera dal suo esordio discografico del 1991 con l’album “Lo specchio delle verità”

(Wea/Interbeat) ad oggi. Un artista riservato, introverso, riflessivo e non a tutti i costi presenzialista, ripercorrendo la sua storia, ti accorgi che è stato sempre poco incline allo show business. Nonostante il percorso pieno di ostacoli, non ha mai smesso di fare musica, guardando sempre avanti, migliorando e cambiando il suo sound, spaziando tra generi di musica diversi, (dal pop al rock, dalla canzone d’autore al folk). L’entusiasmo e l’urgenza creativa di Blandizzi lo portano ha scoprire nuovi incontri e nuove energie, in questi anni è stato molto ispirato dai temi sociali, dove spiccano nel suo attuale progetto “A suon di parole” (Guida editori 2021), realizzato con il giornalista e scrittore Piero Antonio Toma, un libro e non solo, due racconti autobiografici e tredici canzoni scritte insieme, più una di Luigi Compagnone. E’ stato un gran lavoro, con risultati sorprendenti, sia pur a tratti spigoloso, soprattutto quando dovevo far suonare parole spesso difficili da cantare, afferma Blandizzi. Tra tutti i brani interpretati, nel corso dell’intervista si ascolteranno in onda su Isoradio: “Grazie a lei se le farfalle mettono le ali”, canzone dedicata a Greta Thunberg e “Con un paese nel cuore”, canzone che vanta la partecipazione straordinaria di James Senese e gli arrangiamenti di Gigi De Rienzo. L’intero lavoro è arricchito da altrettanti eccellenti musicisti: Peppe Cozzolino che ha curato gli arrangiamenti, Antonio Onorato, Agostino Marangolo, Franco Giacoia, Giuseppe Laudanna, Pippo Seno, Mariano Barba…

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti