martedì 27 Ottobre 2020
Home Cronaca Blitz dei Nas nei locali della "movida" partenopea, diversi sequestri

Blitz dei Nas nei locali della “movida” partenopea, diversi sequestri

Sequestri in diversi comuni del Napoletano: carni e diversi prodotti alimentari in cattivo stato di conservazione. Controlli a tappeto che non si sono mai fermati, neanche nel clou dell’estate.

Anzi. E nell’ambito dei servizi rientranti nel programma operativo teso a garantire un’estate tranquilla, i carabinieri del Nas di Napoli (Nucleo antisofisticazione), hanno effettuato numerosi controlli in diversi esercizi commerciali, in particolare quelli interessati dall’afflusso turistico in determinate località da Napoli alla provincia. Controlli anche tesi alla salvaguardia delle fasce cosiddette “deboli”, quali i giovani – verifiche queste ultime eseguite nell’ambito della campagna denominata “Binge drinking”, avente lo scopo di frenare il fenomeno dell’uso compulsivo di sostanze alcoliche da parte di minori.

Il primo blitz nel Napoletano. Ad Acerra all’interno del Centro sportivo “Curacao”, gestito da Eurocalcetto Village. I militari dell’Antisofisticazione hanno sequestrato circa 20 chili di prodotti alimentari di vario genere poiché risultati detenuti in cattivo stato di conservazione. Parallelamente a Procida un’altra squadra dei carabinieri del Nas ha eseguito un controllo in alcuni locali dell’isola. E nella rosticceria  “Il Rusticotto”, sul corso Vittorio Emanuele , il personale del Nas di Napoli unitamente a quello della locale stazione dei carabinieri, ha sequestrato circa 20 chili di prodotti a base di carne bovina ed avicola, poiché detenuti in cattivo stato di conservazione.

- Advertisement -

Nel corso del servizio di controllo in campo nazionale disposto dal Comando carabinieri per la Tutela della salute sul fenomeno del “Binge drinking” – in pratica si tratta di una vera e propria “abbuffata” di sostanze alcoliche miscelate –  teso a prevenire l’abuso di alcol da parte di minori, i militari del Nas di Napoli, hanno ispezionato quindici esercizi commerciali tra Napoli a Pozzuoli. Tra questi tre non sono risultati in regola per “Omessa esposizione della tabella riproducente i valori di alcolemia distinti per sesso e mancanza dell’apparecchio di rilevazione del tasso alcolemico”. I locali non risultati in regola, dunque, sono il risto-bar “Q-8”, di Pozzuoli, in via Campi Flegrei; il risto-bar “Eni Caffe’”, lungo via Domitiana a Pozzuoli,  il Lounge-bar “Caracciolo Uno”, in via San Giacomo a Napoli. Tutti i locali non risultati in regola sono stati segnalati alle competenti autorità amministrative.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Cambia ordinanza, in Campania ok all’asporto fino alle 22,30

NAPOLI - In Campania sarà possibile l'asporto, ma fino alle 22.30. Un'ordinanza di rettifica del provvedimento adottato dal governatore Vincenzo De Luca rende noto...

Nasce l’intergruppo parlamentare “Infanzia e Adolescenza”. Tutte le info

ROMA. Dalla pagina social del parlamentare Paolo Siani. "Nasce l’Intergruppo Parlamentare ‘Infanzia’ con l’intento di marcare in maniera più decisa l’azione parlamentare sui temi legati...

Scuola, mobilità e ristorazione. L’ultima ordinanza della Regione Campania

NAPOLI. Coronavirus, l’ordinanza n. 85 del 26/10/2020 contiene misure per la prevenzione e il contenimento dell’epidemia da COVID-19, in particolare sui temi della scuola,...

Ruba zaino di un operaio a Ponticelli e fugge. Arrestato 22enne

NAPOLI. I carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli hanno arrestato per furto Salvatore Imparato, 22enne di Ponticelli già noto alle forze dell'ordine. Il giovane...

La lettera: “Ho i sintomi del Covid, attendo tampone da 5 giorni”

Somma Vesuviana. Gentile redazione, vorrei che pubblicaste la mia lettera con la speranza che segnalare i casi come il mio servano a far capire...
- Advertisment -