mercoledì 5 Ottobre 2022
HomeCronacaBloccato summit del clan Licciardi. Blitz dei carabinieri

Bloccato summit del clan Licciardi. Blitz dei carabinieri

NAPOLI. Irruzione dei carabinieri bloccano summit di 5 pregiudicati legati al clan camorristico dei Licciardi di Secondigliano.

Nel corso di servizi di osservazione di alcuni personaggi, ritenuti soggetti d’interesse operativo in ambiente camorristico, i militari di Napoli hanno fatto irruzione in un edificio di edilizia popolare nella masseria Cardone, nel quartiere di Secondigliano. I carabinieri delle compagnie Stella e Vomero, insieme ai colleghi del nucleo investigativo, dopo aver circondato un edificio di via Emilia hanno fatto scattare il blitz sorprendendo,  nel corso di una “tavola rotonda”, 5 personaggi ritenuti tutti a vario titolo legati al clan camorristico dei “Licciardi”.

Si tratta di Paolo Abbatiello, 47enne, residente alla cupa della Vedova, sorvegliato speciale con obbligo di dimora e ritenuto elemento apicale del clan, Raffaele Prota, 48 anni, residente in via Emilia e Pietro Izzo, 47enne, residente in via Mianella. Oltre a un 50enne di viale della Resistenza e un 31enne di Melito di Napoli.

Nelle fasi concitate dell’intervento Prota e Izzo hanno opposto resistenza ai militari dell’arma spintonandoli per riuscire a darsi alla fuga ma sono stati immediatamente raggiunti e immobilizzati. I due sono stati arrestati per resistenza e lesioni a pubblici ufficiali avendo cagionato a due carabinieri contusioni guaribili in 5 e 10 giorni. Per i due resta la notte in carcere in attesa di rito direttissimo. Paolo Abbatiello, che è stato portato al carcere  di Poggioreale, è stato arrestato per inosservanza alla sorveglianza speciale essendo stato trovato in compagnia dei 4 pregiudicati con lui presenti nel corso del summit. Il 50enne e il 31enne sono stati fotosegnalati e liberati successivamente. Continuano le indagini e gli approfondimenti per accertare il motivo della riunione.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti