giovedì 30 Marzo 2023
HomeSenza categoriaBoscoreale, plesso via De Prisco. «In dieci giorni consegniamo la palestra»

Boscoreale, plesso via De Prisco. «In dieci giorni consegniamo la palestra»

BOSCOREALE. Confusione e approssimazione è quanto sta emergendo negli ultimi giorni in merito alla vicenda della palestra del plesso scolastico dell’Istituto comprensivo II Dati di via De Prisco. Gli operai stanno lavorando velocemente all’impermeabilizzazione e tra dieci giorni consegneranno la struttura.

A Boscoreale il caso della “palestra negata ai bambini”

A seguito di un accordo tra l’amministrazione e l’ex dirigente della scuola, la struttura dedicata allo sport è stata utilizzata in maniera temporanea per deporre solo le suppellettili dell’altro plesso Gescal, soggetto ad importanti lavori di recupero e riqualificazione. Ad ottobre dello scorso anno, dopo l’inaugurazione della Gescal, il governo cittadino ha provveduto a svuotare la palestra, nonostante non fosse di competenza dell’Ente farlo. Ha lasciato in loco solo gli scatoloni di proprietà dell’Istituto pieni di mascherine, evidentemente avute per fronteggiare l’emergenza covid-19.

«Ho letto polemiche sterili, alimentate ad arte, che non si reggono sui fatti». Ha esordito il vicesindaco ed assessore al ramo Francesco Faraone, intervenendo sulla vicenda e spiegando: «Gli operai stanno lavorando da giorni e dispiace leggere che neppure i responsabili della scuola sanno cosa accade nel loro istituto. Purtroppo le piogge di gennaio hanno impedito di velocizzare i tempi, ma contiamo di concludere nel giro di dieci giorni, nonostante gli spazi non sono ancora stati liberati dalla scuola». Aggiungendo: «Il 30 dicembre 2022 l’amministrazione, con determina numero 420, ha impegnato 10mila euro per i lavori di impermeabilizzazione dei locali. Inoltre – ha aggiunto Faraone – proprio perché crediamo nella formazione e nella cultura e riteniamo che le scuola non debbano fermarsi per piccoli problemi, abbiamo stanziato e già fatto avere ai 3 comprensivi fondi per 10mila euro ciascuno che possono utilizzare per la piccola manutenzione ordinaria».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti