giovedì 24 Giugno 2021
HomeAttualitàButtol: "Le sanzioni applicate dal Comune di San Giorgio a Cremano sono...

Buttol: “Le sanzioni applicate dal Comune di San Giorgio a Cremano sono illegittime”

San Giorgio a Cremano. «Le sanzioni applicate dal Comune di San Giorgio a Cremano sono illegittime. L’Azienda è pronta a tutelarsi in tutte le sedi. E’ stato dato mandato ai legali per ottenere l’annullamento delle penalità ingiustamente contestate all’Azienda». Lo dichiara la Buttol Srl in una nota, in seguito all’intervento di alcuni consiglieri comunali rispetto alle contestazioni su presunti servizi non resi nell’ambito dell’appalto di igiene urbana nel comune di San Giorgio.

«C’è da evidenziare – prosegue l’azienda – che tali sanzioni sono state irrogate senza considerare la normativa vigente. In particolare non si è tenuto conto minimamente delle comunicazioni e dei verbali riguardanti lo stato di emergenza pandemica. Infatti, il legislatore ha dato la possibilità alle aziende che operano per conto della pubblica amministrazione di sospendere eventuali sanzioni durante il periodo della pandemia. Nei mesi precedenti, così come tantissime realtà produttive, l’Azienda si è ritrovata a far fronte all’aumento dei contagi e purtroppo nemmeno il personale Buttol è stato risparmiato, nonostante tutte le misure di contenimento messe in atto dalla ditta.

In ogni caso, tali penalità risultano illegittime anche sul piano sostanziale, in quanto i servizi sono stati comunque resi. A tali contestazioni, infatti, non si è dato seguito al giusto contraddittorio, come prevede il codice degli appalti.

Tali contestazioni, poi tramutate in sanzioni, risultano prive di qualsiasi riscontro obiettivo e rispondono alle sole sollecitazioni di alcuni consiglieri comunali. Un’ingerenza politica per la quale l’Azienda valuterà ogni azione giudiziaria possibile, sia sul fronte amministrativo che penale».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti