sabato 4 Febbraio 2023
HomeCronacaCagnetta si accoppia, il padrone non voleva e brucia l'altro cane

Cagnetta si accoppia, il padrone non voleva e brucia l’altro cane

POZZUOLI. Un cagnolino meticcio si era accoppiato con una cagnetta di proprietà di un 22enne del luogo, che infuriato ha dato fuoco al meticcio. Rintracciato e denunciato dai carabinieri della locale aliquota radiomobile per maltrattamento e uccisione di animale il 22enne.

I fatti risalgono al 7 luglio scorso, quando un 81enne del posto, proprietario di un cane meticcio, regolarmente registrato all’anagrafe canina regionale e munito di microchip, era venuto a conoscenza attraverso un articolo di stampa apparso su di un giornale, dell’atroce morte del suo cane, trovato parzialmente carbonizzato e giacente in una aiuola in località Toiano. I militari dell’arma, che nel frattempo avevano già avviato le indagini hanno raccolto diverse testimonianze sull’accaduto, con le quali sono riusciti ad identificare il 22enne responsabile, che ha agito per futili motivi, ovvero per un accoppiamento indesiderato del cane con la sua cagnetta.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti