mercoledì 16 Giugno 2021
HomeCronacaCalcio al petto del medico, continua a lavorare per assicurare servizio 118

Calcio al petto del medico, continua a lavorare per assicurare servizio 118

Napoli. Un’ altra bruttissima aggressione ai danni di un medico del 118. A darne notizia è l’organizzazione no-profit “Nessuno tocchi Ippocrate” sulla sua pagina social. Il personale sanitario, ieri sera, è intervenuto in via Vera Lombardi nel quartiere Ponticelli per un paziente che si era autoprocurato delle lesioni. Già conosciuta la pericolosità dell’uomo, l’ambulanza è stata scortata dai carabinieri. Ma al momento dell’intervento, il paziente ha sferrato un calcio in pieno petto del medico nonostante la presenza dei militari. Allertate altre volanti, ben 7, l’uomo è stato trasferito all’Ospedale del Mare, ma anche quì ha aggredito l’infermiere al triage. Intanto il medico del 118, vittima dell’aggressione, ha continuato a lavorare per assicurare il servizio di soccorso data la poca disponibilità delle ambulanze. Nessuno tocchi Ippocrate dichiara: “Calcio in petto al medico, l’aggressione è la numero 23 del 2021”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti