martedì 29 Settembre 2020
Home Cronaca Camorra, in carcere il latitante di Afragola Giuseppe Monfregolo

Camorra, in carcere il latitante di Afragola Giuseppe Monfregolo

ARZANO-AFRAGOLA. Camorra, catturato dai carabinieri il latitante Giuseppe Monfregolo

Nel tardo pomeriggio di ieri, ad Afragola (NA), i carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna hanno localizzato e tratto in arresto il latitante Giuseppe Monfregolo, 31enne, destinatario di due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli su richiesta della locale D.D.A.
Il latitante, considerato vertice del gruppo camorristico detto della “167 di Arzano”, promanazione del clan Amato-Pagano di Napoli ed egemone nel comune di Arzano e in quelli limitrofi, è ritenuto responsabile di estorsioni aggravate dal metodo mafioso commesse nei confronti di esercenti arzanesi tra il 2015 e il 2017.

- Advertisement -

L’articolata attività investigativa, coordinata dal Procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli, dai sostituti Procuratori Vincenza Marra e Maria Sepe della D.D.A di Napoli e condotta dal Nucleo investigativo dei carabinieri di Castello di Cisterna, ha consentito di localizzare il luogo dove il latitante aveva trovato rifugio, ad Afragola.
L’intervento è stato portato a termine nel tardo pomeriggio di ieri, quando gli investigatori avevano ormai la certezza della presenza del latitante all’interno di un’abitazione del centro abitato, dove l’uomo è stato trovato in compagnia di una 42enne, poi denunciata in stato di libertà perché avrebbe favorito la sua latitanza.

Giuseppe Monfregolo era latitante dal novembre 2017 quando si sottrasse all’esecuzione di un decreto di fermo emesso dalla Procura delle Repubblica di Napoli – D.D.A., in quanto ritenuto responsabile di un’estorsione ai danni di un imprenditore in nome per conto del gruppo camorristico della “167 di Arzano” di cui Monfregolo è ritenuto il vertice.
Il latitante si sottraeva inoltre a un secondo provvedimento, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli su richiesta della locale D.D.A. nel marzo 2018 per varie di estorsioni commesse da Monfregolo nei confronti di imprenditori e commercianti di Arzano, sempre a favore del gruppo camorristico della “167 di Arzano”.

L’arrestato è stato tradotto nel Centro Penitenziario Napoli-Secondigliano dove è a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Scuola. Aprire in sicurezza, l’Asl Na3 sud forma insegnanti Covid

L’Asl Napoli 3 Sud al fianco degli istituti per una riapertura in sicurezza. In collaborazione con le istituzioni scolastiche regionali l’azienda sanitaria ha attivato...

Novità editoriale: “Sopravvissuti”. Le presentazioni

NAPOLI. Martedì 29 settembre ore 18:30  in diretta sul canale YouTube della Polidoro Editore con Vincenza Alfano, Giovanna Scalzo e Antonio Esposito e Sabato 3...

“Abitare la storia: la casa dei Correale”, visita guidata a Sorrento

SORRENTO. Il presidente Gaetano Mauro, il CdA e il direttore Filippo Merola, nell’ottica di collaborazione con le associazioni locali già da tempo intrapresa con...

Successo per il Premio Ambasciatori del Sorriso 2020

SAN VITALIANO. Grande successo per il Premio  Ambasciatori del Sorriso 2020. Tra i premiati tante eccellenze. Dott. Paolo Ascierto, il magistrato Catello Maresca, lo scultore...

Giovedì sera al Museo, riparte la programmazione al MANN

NAPOLI. Visite ed eventi serali al Museo, si riparte: dal 1° ottobre al 3 dicembre, il MANN sarà aperto ogni giovedì, dalle 20 alle...
- Advertisment -