venerdì 5 Giugno 2020
Home Cronaca Camorra, racket e bombe ad Afragola: otto arresti

Camorra, racket e bombe ad Afragola: otto arresti

AFRAGOLA-CASORIA. Racket e bombe ad Afragola, in carcere otto soggetti ritenuti vicino al clan Moccia

“Cavallo di ritorno” imposto a imprenditori, commercianti e cittadini per la restituzione dell’auto rubata, per questo sono state arrestate, tra Afragola e Casoria, otto persone ritenute legate al clan Moccia. Ad eseguire le custodie cautelari i carabinieri della Compagnia di Casoria. Tra le dinamiche estorsive anche un’agenzia di pompe funebri, la quale con un atto intimidatorio voleva imporre la chiusura ad una ditta concorrente, impaurendo i titolari con l’esplosione di una bomba. Le vittime, inoltre, erano costrette con veri e propri atti intimidatori  a versare soldi al sodalizio camorristico.

- Advertisement -

 

 

 

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Gori e fratelli Abbagnale in campo per il fiume Sarno

Gori. Un click per il Sarno: Gori e i fratelli Abbagnale scendono in campo per la salvaguardia del fiume. In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente,...

In pensione Angelo Terranova, il poliziotto che indagò sulla strage di Lauro

NAPOLI-SANT'ANASTASIA. Il Comandante della Sottosezione Autostradale di Napoli Nord va in pensione: un poliziotto di razza che, in circa 40 anni di attività, è...

Caivano. Si allontana dall’ospedale, anziano in pigiama soccorso in strada

CAIVANO. Ieri pomeriggio gli agenti del Distaccamento Polizia Stradale di Nola, reparto dipendente della Sezione Polizia Stradale di Napoli, sono intervenuti presso lo svincolo...

Allerta meteo arancione, a Napoli chiusi parchi e cimiteri

NAPOLI. A seguito dell’allerta meteo “arancione" diramato dalla Protezione civile regionale che prevede “precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio e temporale, localmente di...

Saviano-Somma. Piazze di spaccio e racket alle imprese, cinque arresti

SAVIANO-SOMMA VESUVIANA. Droga e pizzo, sgominato gruppo criminale. Anche Eugenio D'Atri e Giovanni D'Avino ("‘O bersagliere" ) raggiunti dall'ordinanza di custodia cautelare. Sgominato dalla Squadra...
- Advertisment -