mercoledì 2 Dicembre 2020
Home Attualità Cane ucciso da poliziotto, la Leal (Lega Antivivisezionista) sporge denuncia

Cane ucciso da poliziotto, la Leal (Lega Antivivisezionista) sporge denuncia

NAPOLI. Cane ucciso dal poliziotto a Napoli: Leal sporge denuncia e chiede al questore  di accertare le responsabilità a tutela della sicurezza di cittadini e animali.

Vogliamo chiarezza su fatti e responsabilità per valutare seriamente la posizione dell’agente di Polizia che nel pomeriggio del 12 luglio in una via centrale di Napoli ha ucciso un cane molosso di piccola taglia detenuto da un pregiudicato che non ne avrebbe avuto titolo, in quanto chi è sottoposto a provvedimenti restrittivi della libertà personale non può detenere determinate razze di cane.

- Advertisement -

Durante un parapiglia nato tra il pregiudicato e gli agenti il cane cerca di seguire il proprietario ma per impedirlo un agente lo prende a calci. Al terzo calcio il cane gli afferra una scarpa e a questo punto un secondo agente gli spara spappolandogli la zampa posteriore. Il povero cane ormai barcollante e indebolito dall’emorragia tenta un riavvicinamento al suo proprietario ma gli viene sparato un secondo colpo di arma da fuoco al torace.

Alcuni video che girano in rete, e che sono in possesso dei legali, hanno ripreso ogni fase della scena compreso il fatto che il cane è rimasto in stato di agonia e grave sofferenza mentre dei cittadini chiedevano alle Forze dell’Ordine di poter condurre l’animale in clinica veterinaria per un disperato tentativo di salvarlo.

Gian Marco Prampolini, presidente di LEAL, dichiara: “Ancora una volta la vita di un animale è stata sottovalutata, svilita e calpestata. Abbiamo dato mandato al nostro legale Aurora Loprete di sporgere denuncia querela perché un cane è stato ucciso e prima di morire non ha potuto ricevere alcun soccorso. In un contesto politico dove esiste un ferreo decreto sicurezza posto a tutelare i cittadini le persone devono sentirsi protette. Se un agente non sa gestire un cane impaurito e disorientato e perde lucidità e calma ricorrendo con facilità alla pistola non ci si può sentire tranquilli. Sollecitiamo che il Questore di Napoli chiarisca i fatti, accerti le responsabilità e ce ne dia comunicazione e chiediamo con forza che per le nostre strade animali e umani abbiano la massima tutela”.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Addio a Maria Polise, aveva gestito il I° Tabacchi di Somma

Somma Vesuviana. È mancata all'affetto dei suoi cari Maria Polise, 84 anni, conosciuta come "à Tabbacara". La signora, infatti, aveva gestito per...

CAPRI. Caprisius Gin – Special Edition

Il gin ufficiale dell’isola di Capri lancia con uno spot una bottiglia-gioiello a forma di faraglione “Realizzare la Special Editiondi Caprisius è stata davvero una...

Campania, Patriarca (FI): De Siano lasci coordinamento partito

Il capogruppo regionale: «Basta politica che divide invece di unire». NAPOLI – «Il presidente Silvio Berlusconi è stato chiaro: bisogna rinnovare. Riprendere il dialogo con...

I centri storici: Concorso fotografico bellezze contemporanee

L’organizzazione generale è stata curata dalla Associazione Flegrea Photo in collaborazione con il Comitato Organizzatore, composto da Francesco Soranno, Concetta Marrazzo, Antonio Ciniglio e...

Il Comune buca il pavimento medievale del Casamale. Arci, Legambiente e I.RE.S.CO.L scrivono al Parco

Somma Vesuviana. Il Comune ha bucato il pavimento medievale del Casamale per inserire dei paletti in ghisa. Sulla vicenda intervengono le associazioni Arci...
- Advertisment -