mercoledì 28 Settembre 2022
HomeAppuntamentiCapriArt* - Arte come rivendicazione di genere a Villa Lysis – Centro...

CapriArt* – Arte come rivendicazione di genere a Villa Lysis – Centro caprense Ignazio Cerio

Dall’8 settembre al 1 ottobre

Una musa, la cantante e attrice degli anni Trenta Agnés Capri (protagonista della locandina) che con il suo nome d’arte omaggiò lo spirito di Capri – isola di libertà – per un festival che giunto alla sua seconda edizione diventa cabaret delle avanguardie gender. Tre spettacoli, tra settembre e ottobre, pensati come tre momenti ideali di una stessa serata sullo stile dell’audace Cabaret Agnés Capri, uno dei più amati della Parigi di Jean Cocteau.

La prima parte del Festival CapriArt* – Arte come rivendicazione di genere, torna dall’8 settembre, a Villa Lysis, con un focus sulla Francia e sulle sue donne straordinarie. Come la star della musica e icona indipendente Catherine Ringer, conosciuta al pubblico italiano come interprete transessuale del musical di Nicola Piovani Concha Bonita, che il 10 settembre darà voce alle poesie erotiche della 97enne scrittrice e combattente della Seconda guerra mondiale Alice Mendelson. Nello spettacolo L’erotismo del vivere, con le musiche del compositore Grégoire Hetzel, i limiti dei tabù vengono superati e il sesso, tema considerato proibito per una donna della terza età, viene abbracciato con vitalità.

Ad anticipare la serata – in una sorta di pre-opening per ricordare l’impegno del CapriArt* nella difesa dei diritti – andrà in scena l’8 settembre Cantanti Alfa, una conferenza cantata interpretata dal direttore artistico del festival Mauro Gioia e Giuseppe Burgarella al piano, scritta dal finalista del premio Campiello Antonio Pascale e da Giuditta Borelli. Tra musica e parole, la canzone napoletana viene analizzata come base della costruzione di una mascolinità tossica che tra senso di colpa e mammismo arriva a sfociare nel femminicidio. Una realtà mai così drammaticamente attuale.

Il 1 ottobre, al Centro caprense Ignazio Cerio, il quartetto francese di archi tutto al femminile Ombra Felice, composto da Béatrice Muthelet, Dorian Gable, Pauline Buet e Anna Elsa Trémoulet farà rivivere le note di compositrici dimenticate dalla storia della musica classica per il semplice fatto di essere donne: da Germaine Tailleferre a Lili Boulanger, da Hélène de Montgeroult a Cécile Chaminade.

CapriArt* – Arte come rivendicazione di genere

Riconosciuto dal ministero della Cultura come festival multidisciplinare beneficiario dei Fondi Fus-Fondo Unico per lo spettacolo per il triennio 2022-24 e sostenuto dalla Città di Capri, CapriArt* – Arte come rivendicazione di genere è nato nel 2021 come progetto speciale intorno alla figura del giornalista inglese Henry Wreford che visse a Capri dal 1842 fino alla morte avvenuta nel 1892 e contribuì alle vicende politiche preunitarie italiane e alla diffusione di una cultura impegnata nel gender claim.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti