venerdì 2 Dicembre 2022
HomeAttualitàCarabinieri. Celebrazione della “Virgo Fidelis”, della “Battaglia di Culqualber” e la “Giornata...

Carabinieri. Celebrazione della “Virgo Fidelis”, della “Battaglia di Culqualber” e la “Giornata dell’Orfano”

Questa mattina, a Napoli, nella Basilica di Santa Chiara, l’Arma dei Carabinieri ha celebrato la sua Patrona, la Beata Vergine Maria Virgo Fidelis, l’81° anniversario della Battaglia di “Culqualber” e la “Giornata dell’Orfano”.

Alla Santa Messa, officiata dall’Arcivescovo Metropolita di Napoli, S.E. Mons. Domenico Battaglia e con l’intervento del Comandante Interregionale Carabinieri “Ogaden”, Generale di Corpo D’Armata Andrea Rispoli, hanno partecipato numerose Autorità civili e militari, una rappresentanza di Carabinieri della Legione Campania, del 10° Reggimento “Campania”, dei Carabinieri Forestali e degli altri reparti Speciali del territorio, personale degli organi di rappresentanza e delle associazioni professionali a carattere sindacale, dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell’Associazione Nazionale Forestali, le vittime del dovere e i famigliari, i decorati di Medaglia al valore e i congiunti, vedove e orfani dei militari deceduti, nonché atleti paraolimpici di Napoli, tutti uniti in una sentita celebrazione di comunanza di valori e ideali.

Al termine della messa è stato commemorato l’anniversario della “Battaglia di Culqualber”, una delle più cruenti in terra d’Africa orientale durante il secondo conflitto mondiale, che si concluse il 21 novembre 1941, quando, un intero Battaglione Carabinieri si sacrificò nella strenua difesa, protrattasi per tre mesi, dello strategico caposaldo di “Culqualber”, con lo scopo di impedire l’avanzata del nemico. Dopo cruenti scontri corpo a corpo e all’arma bianca, i Carabinieri, decisi al sacrificio supremo, furono definitamente sopraffatti. I caduti sono andati a far parte della folta schiera di Carabinieri che, in pace e in guerra, hanno saputo tener fede al giuramento prestato fino all’estremo sacrificio. Per questa eroica resistenza, la Bandiera dell’Arma, il 7 aprile 1949, fu insignita della sua seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare e l’11 novembre dello stesso anno, il Pontefice Pio XII decise di proclamare con un Breve Apostolico “La Beata vergine Maria Virgo Fidelis” Patrona dell’Arma, fissando la data per le celebrazioni proprio il 21 novembre.

L’importante evento si è concluso con la celebrazione della “Giornata dell’Orfano”, che rappresenta per tutti i Carabinieri e per l’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri (O.N.A.O.M.A.C.), un’occasione di concreta vicinanza alle famiglie dei colleghi caduti, coloro che, per primi, vivono il dolore delle gravi perdite d’affetto. L’O.N.A.O.M.A.C., grazie al contributo volontario di tutti i Carabinieri, sostiene nella crescita e nell’istruzione gli orfani dei militari dell’Arma, anche mediante l’elargizione di sussidi, premiando il merito, e infatti, anche nella mattinata di oggi, il Generale di Corpo d’Armata Andrea Rispoli ha consegnato riconoscimenti e premi ad alcuni giovani orfani residenti in Campania per i risultati raggiunti negli studi.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti