sabato 22 Gennaio 2022
HomeAttualitàCasalnuovo. Centro sportivo intitolato all’ex sindaco e arbitro Pasquale Caputo

Casalnuovo. Centro sportivo intitolato all’ex sindaco e arbitro Pasquale Caputo

Casalnuovo. All’ex sindaco e arbitro Pasquale Caputo è stato intitolato ieri mattina il centro sportivo di Licignano a Casalnuovo. A lui è stata dedicata la struttura che comprende il Palazzetto dello Sport e l’adiacente Pista di Pattinaggio.

Illustre cittadino di Casalnuovo, classe 27, Pasquale Caputo ne fu sindaco intorno alla metà degli anni ’70. Ma fu nello sport che si distinse a livelli locale e nazionale. Pasquale Caputo muove i suoi primi passi nel calcio da giovanissimo. Militò nella squadra calcistica cittadina come mezz’ala ambidestra e anche se non riuscì a sfondare nel mondo del calcio non ha mai abbandonato il campo in erba. Presto infatti svestì la maglia del calciatore per indossare quella dell’arbitro. In questo ambito infatti riuscì ad ottenere importanti risultati a livello nazionale.
Il centro sportivo di Licignano va dunque alla memoria di un grande umile atleta, professionista e uomo della Città di Casalnuovo.
“Con l’intitolazione di domani ci riappropriamo di un pezzo di storia della nostra città, coniugando così l’esigenza di toponimare uno dei centri sportivi più importanti di Casalnuovo e quella di tramandare alle nuove e giovani generazioni il passato di un illustre cittadino”.
Alla cerimonia sono stati presenti gli eredi di Caputo scomparso nel 2005.
“L’amore per lo sport fu una costante nella vita del professor Caputo che anche da sindaco si prodigò per accrescere la dotazione infrastrutturale per i casalnuovesi. In questo ravviso un segno di continuità con l’amministrazione di cui faccio parte e che mi ha visto impegnato per la crescita dello sport in città in tutte le declinazioni” sottolinea l’assessore allo Sport, Salvatore Errichiello. Brillante la sua carriera. Pasquale Caputo nacque il 14 novembre 1921 ad Afragola ma visse tutta la sua vita, sin dalla prima infanzia, nella città di Casalnuovo di Napoli, dove la sua famiglia si trasferì. Grande appassionato di sport e di calcio in particolare, militò nella squadra della sua città di origine, giocando come mezz’ala ambidestra, senza riuscire ad emergere tuttavia da un ambito strettamente locale.
Nel dopoguerra, però, scoprì la sua vera vocazione. Una vocazione sempre legata al calcio ma in una veste del tutto diversa. Dismise, infatti, la divisa del calciatore per indossare quella di arbitro. Diventò in breve tempo – dopo una vicenda nella Lega Giovanile, nella Seconda Divisione, nella Prima Divisione – uno degli arbitri più apprezzati a livello nazionale, giungendo nel 1948 alla Commissione Arbitri Nazionale. Gli toccò nel 1952 di arbitrare anche l’amichevole Napoli-Germania, giocata a Napoli allo Stadio “Collana” (allora stadio ufficiale del Napoli Calcio ); era il tempo in cui veri talenti e grandi calciatori come Jeppson e Pesaola infiammavano la tifoseria partenopea.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti