venerdì 25 Giugno 2021
HomePoliticaCasalnuovo. Comune citato per un risarcimento di 600 mila euro

Casalnuovo. Comune citato per un risarcimento di 600 mila euro

CASALNUOVO. Il comune è stato citato dinanzi al Tribunale di Nola dalla Icos s.r.l. di Aniello Raucci che avanza una richiesta risarcitoria di 600 mila euro.

Alla base di tutto vi è una ordinanza di demolizione emessa dal comune relativa ad un parcheggio interrato a cui, negli anni addietro, sono stati rilasciati diversi permessi a costruire dal comune stesso.

L’intera vicenda risale al 2004, all’epoca il Comune di Casalnuovo aveva autorizzato la ditta Icos s.r.l. ,di Aniello Raucci, a realizzare un parcheggio interrato in Via Nazionale delle Puglie, il permesso venne impugnato innanzi al Tar, dalla Dafne s.a.s., una società proprietaria di un immobile confinante e successivamente innanzi al Consiglio di Stato.

Dopo il Tar che ebbe respinto il ricorso perché infondato, con sentenza n. 3458/2016, la IV sezione del Consiglio di Stato accolse l’appello promosso dalla Dafne s.a.s  e, per l’effetto, accolse il ricorso di primo grado, con annullamento degli atti ivi gravati. Il comune emise una ordinanza di ingiunzione per la demolizione del parcheggio interrato in via Nazionale delle Puglie.

La questione apre oggi la strada ad un processo che potrebbe creare difficoltà alle casse dell’Ente, poiché la Icos s.r.l. di Raucci lo scorso nel settembre ha notificato al comune un atto di citazione innanzi al Tribunale di Nola, “previa disapplicazione del permesso di costruire n. 182013 venga dichiarata la responsabilità del  Comune per l’avvenuto rilascio dei permessi di costruire nn. 64/04, 163/05 e 18/2013”, questo si legge nella documentazione dell’ente. La Icos, inoltre, avanza una richiesta risarcitoria di 600 mila euro per l’eventuale danno cagionato, l’udienza è fissata per l’11 gennaio 2018.

A tutelare le ragioni del comune sarà l’avvocato Raffaello Capunzo, esperto in materia, che dovrà fare chiarezza su una situazione tutt’altro che semplice anche ai fini della determinazione delle responsabilità delle parti in causa.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti