giovedì 28 Gennaio 2021
Home News Casamarciano, il capodanno si veste di solidarietà: campagna no ai botti

Casamarciano, il capodanno si veste di solidarietà: campagna no ai botti

A Casamarciano il Capodanno si veste di solidarietà: no ai botti, sì alle lanterne di speranza.

Casamarciano dice no ai botti. Si alle lanterne. Ma di solidarietà. Il sindaco Andrea Manzi lancia un accorato appello alla sua comunità e se da un lato vieta, con un’apposita ordinanza l’utilizzo di fuochi d’artificio, petardi e “botti” di qualsiasi tipologia e denominazione su tutto il territorio comunale per l’intera giornata di lunedì 31 dicembre e martedì 1 gennaio, dall’altro si affida completamente alla sensibilità dei suoi concittadini per contribuire alla raccolta fondi lanciata in queste ore dall’amministrazione comunale per aiutare una bambina del posto, affetta da sclerosi tuberosa ed attualmente ricoverata all’ospedale Gaslini di Genova.

Un appello di speranza ma soprattutto di luce, come quella che nella notte del 31 dicembre irradierà il cielo di Casamarciano attraverso le lanterne che il Comune metterà a disposizione di quanti vorranno aderire all’iniziativa.

Le lanterne saranno distribuite già da oggi dal parroco don Raffaele Rossi nella parrocchia di San Clemente e chi vorrà potrà farne richiesta lasciando un contributo volontario che sarà interamente devoluto al progetto di solidarietà.

- Advertisement -

“Un Capodanno in sicurezza per l’intera  comunità che tuteli e  protegga  l’incolumità di adulti e bambini ma anche dei nostri amici a quattro zampe – dichiara il sindaco Andrea Manzi – senza però dimenticare chi, in questo momento, è meno fortunato di noi.

Penso alla piccola di questa comunità costretta a trascorrere in un letto di ospedale, lontano da casa, questi giorni di festa. Per lei Casamarciano brillerà di luce, gioia e speranza la notte del 31 con l’auspicio che l’inizio del nuovo anno possa rappresentare per lei, ed i suoi familiari, l’inizio di un percorso più facile che conduca alla guarigione.

Infine – conclude Manzi – insieme a tutta l’amministrazione comunale mi affido al senso di responsabilità collettiva affinchè cessi ogni comportamento lesivo e si saluti l’arrivo del 2019 in maniera gioiosa e civile”. Per i trasgressori previste multe e sanzioni che vanno da 25 a 500 euro.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Saverio Falco
Giovane studente, intraprendente, ricco di fantasia, creativo e gioioso. E' veramente un piacere avere tra noi autori, scrittori, giornalisti, filosofi, ma soprattutto ragazzi come quello odierno: un'anima che ama la cultura in tutte le sue sfaccettature, che trasmette un pensiero legato all'amore puro, dai sentimenti profondi. Nel 2012 fa il suo battesimo con la carta stampata, rivelando all'attenzione di noialtri lo spirito polivalente dell'esistenza. (A cura del poeta GIANNI IANUALE)
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

- Advertisment -