venerdì 21 Gennaio 2022
HomePoliticaCaserta. La sospensiva dell'attività consiliare

Caserta. La sospensiva dell’attività consiliare

Mentre nei prossimi giorni l’elezione del Presidente della Repubblica si terrà in presenza, a Caserta la minoranza aveva chiesto che il Consiglio Comunale si potesse tenere quantomeno in modalità ibrida. La richiesta non è stata accolta ma, nonostante ritenessimo che un Consiglio comunale online pecchi di possibilità dialettica e di dibattito, abbiamo deciso, insieme a tutta la minoranza, di partecipare direttamente dalla Sala consiliare.

In primo luogo, iniziati i lavori del Consiglio Comunale, non ci è stata data la possibilità di discutere le nostre interrogazioni e quindi di svolgere l’attività di controllo sull’azione amministrativa, in quanto erano assenti sia il Sindaco che gli Assessori competenti.

Successivamente, iniziata la discussione sul biodigestore, la maggioranza ha chiesto e ottenuto una sospensiva sull’argomento per evitare che il Consiglio Comunale si pronunciasse sulla vicenda: in un sol colpo si è bloccata la discussione su uno dei temi più sentiti della città, rinviandola a data da destinarsi.

Il Segretario comunale ha addirittura sostenuto che può essere richiesta una sospensiva anche sulle interrogazioni, sancendo in maniera molto grave che la maggioranza può decidere di sospendere l’attività di controllo della minoranza, minando di fatto la democrazia all’interno del Consiglio comunale di Caserta.

Un atto gravissimo, un precedente che lede l’azione del Consiglio tutto, indipendentemente dai gruppi politici di cui si fa parte. Nonostante fossero in discussione mozioni da noi firmate come quella sul 1522 e quella per l’istituzione delle aree tamponi a prezzi calmierati, di fronte a questa violazione di qualsiasi principio democratico abbiamo abbandonato l’aula.

Crediamo che a monte di ogni singolo problema ci sia la modalità con cui si agisce, ci sia la prassi democratica delle Istituzioni: se questa viene messa in discussione, allora non ha senso discutere di nessuna mozione o regolamento, anche quelli di cui siamo firmatari o proponenti.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti