domenica 25 Luglio 2021
HomeAttualitàCaso Genny Cesarano: sull'omicidio processo da rifare

Caso Genny Cesarano: sull’omicidio processo da rifare

Su decisione della Corte di Cassazione è stato rinviato a una nuova sezione della Corte di Assise di Appello di Napoli il processo di secondo grado sull’omicidio di Gennaro Cesarano, detto Genny, vittima innocente della camorra, assassinata per errore in piazza Sanità, a Napoli, ad appena 17 anni, la notte tra il 5 e 6 settembre 2015. Per quella tragica morte il 6 dicembre 2017 sono stati condannati all’ergastolo, dal gup di Napoli Alberto Vecchione, Antonio Buono (difeso dall’avvocato penalista Enrico Di Finizio), Luigi Cutarelli (difeso dall’avvocato Domenico Dello Iacono), Ciro Perfetto (difeso dall’avvocato Annalisa Senese) e Mariano Torre.

Sedici anni di reclusione furono inflitti, invece, al mandante, Carlo Lo Russo, ex boss dell’omonimo clan e collaboratore di giustizia.

L’11 luglio 2019, la IV sezione della Corte di Assise di Appello di Napoli confermò la pena dell’ergastolo per tre dei quattro imputati e i 16 anni di carcere per il mandante ma decise di ridurre la pena, dall’ergastolo a 16 anni, per Torre, che con una lettera di scuse alla famiglia Cesarano annunciò in sostanza l’avvio di un percorso di collaborazione con la giustizia.

“La strategia del collegio difensivo – fa sapere l’avvocato Enrico Di Finizio – è stata finalmente presa in considerazione.

Sembrava di palese evidenza che l’omicidio del povero Genny Cesarano fosse stato eseguito nell’immediatezza di una ‘stesa’ (raid a colpi d’arma da fuoco, ndr) subìta e non fosse stato il frutto di un proposito premeditato”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti