venerdì 14 Maggio 2021
HomeCronacaCasoria. Picchiati sul lavoro perchè reagiscono a rapina. Arrestati 4 balordi

Casoria. Picchiati sul lavoro perchè reagiscono a rapina. Arrestati 4 balordi

CASORIA. Le due vittime picchiate e minacciate.

I carabinieri della Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casoria, a conclusione delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord connesse ad un tentativo di rapina, hanno dato esecuzione nella giornata di oggi ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro soggetti accusati a vario titolo di tentata rapina in concorso, porto in luogo pubblico di arma comune da sparo, lesioni personali e minaccia. L’attività è stata avviata il 05 giugno con la Stazione carabinieri di Casoria, a seguito della denuncia sporta da due fratelli del luogo. Le indagini hanno permesso di identificare i 4 che hanno tentato di rubare un’autovettura parcheggiata avanti all’officina dove lavorano le due vittime. Dopo il tentativo di rapina non andato a buon fine, i malfattori si sono riorganizzati e sono ritornati sul posto minacciando i due con una pistola. I balordi hanno intimato ai due lavoratori di non reagire più ai loro furti e li hanno picchiati dopo aver esploso due colpi di pistola. Uno degli aggrediti ha riportato lesioni giudicate guaribili in giorni dieci.  Tutti gli arrestati sono stati associati alla Casa di Reclusione di Poggioreale in attesa del previsto interrogatorio di convalida avanti al Giudice per le Indagini Preliminari.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti