sabato 1 Ottobre 2022
HomeCronacaCimitero di Pomigliano, Verdi: "I resti nelle cassette della frutta"

Cimitero di Pomigliano, Verdi: “I resti nelle cassette della frutta”

POMIGLIANO D’ARCO. Dopo i cadaveri esposti nel Cimitero di Casalnuovo a Pomigliano d’Arco i resti dei defunti vengono conservati in cassette della frutta ed esposti al pubblico. Parte il servizio S.O.S. Cimiteri.

“Dopo l’episodio del 2012 e quello dell’altro giorno con tre loculi scoperti con diversi cadaveri in bella mostra per alcuni giorni al cimitero di Casalnuovo di Napoli questa volta a provocare l’indignazione dei cittadini è il cimitero di Pomigliano d’Arco – denunciano Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della radiazza – dove è stato segnalato un loculo scoperto nel quale i resti dei defunti erano stati raccolti in cassette della frutta regolarmente esposti alla vista del pubblico. E’ evidente che tutti questi episodi fanno emergere un modo alquanto discutibile e superficiale di gestire i cimiteri che stanno diventando luoghi dell’orrore con resti dei defunti sistemati alla meglio o anche esposti al pubblico, loculi che cadono a pezzi e degrado generalizzato”.

“I cittadini – conclude Mario Pelliccia della radiazza che ha organizzato S.O.S. cimiteri attivo per segnalare i casi limite – ci stanno inviando tante denunce sullo stato dei cimiteri del napoletano. Sarebbe ora ripensare la gestione e la manutenzione di questi luoghi frequentemente finiti anche in inchieste della Magistratura per infiltrazioni della camorra”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti