venerdì 17 Settembre 2021
HomePoliticaCittà Metropolitana Napoli. Istituito l'osservatorio Smart Cities

Città Metropolitana Napoli. Istituito l’osservatorio Smart Cities

NAPOLI. Si è insediato l’Osservatorio sulla Città Intelligente nella Città Metropolitana di Napoli. Trattasi di un gruppo di lavoro voluto fortemente dal Consigliere delegato alle Smart Cities, Francesco Iovino, che ha lo scopo di promuovere il modello di città intelligente sul suolo metropolitano partenopeo dando impulso a progetti concreti.

Smart City è un modello di città alternativo che sta praticamente spopolando nel mondo, benché non abbia ancora una tangibile attuazione. E’ un prototipo di conversione urbana che intende rendere ecosostenibile ed intelligente una città non solo nelle infrastrutture, ma anche nello scambio di informazioni.

Quindi, Smart Cities è un modello di città del futuro autosufficiente che ha lo scopo di potenziare non solo le infrastrutture fisiche, ma anche quelle immateriali e quindi favorire lo scambio di informazioni utili a migliorare ed ottimizzare i processi quotidiani utili alla cittadinanza. A darci delucidazioni proprio il consigliere metropolitano dr. Francesco Iovino, che auspica“un lavoro di gruppo aperto a tutti coloro che vogliono partecipare con idee ed informazioni utili a mettere in campo progetti di riqualificazione urbana digitale che non siano fini a loro stessi, ma che sanciscano l’inizio di una visione futuristica delle nostre città sempre più sostenibile, efficiente e digitale”, per poi concludere: “L’obiettivo è quello di essere pronti nel 2030 con una città a misura dell’uomo moderno”.

A coordinare il gruppo di lavoro, il giornalista, blogger digitale e scrittore Livio Varriale che ringrazia Francesco Iovino ed il sindaco metropolitano Luigi de Magistris per la fiducia espressa sul proprio nome. E precisa: “L’indirizzo che abbiamo deciso di dare all’Osservatorio è quello di pensare ed attuare modelli previsti dal regolamento delle Smart Cities, partendo dal primo principio, cioè quello della sostenibilità, senza il quale tutto si limiterebbe ad una semplice installazione dimostrativa.”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti