giovedì 24 Giugno 2021
HomePolitica"Una città in salute per il progresso di Sant’Anastasia", solidarietà al comandante...

“Una città in salute per il progresso di Sant’Anastasia”, solidarietà al comandante Maiello

Sant’Anastasia. Anche “Una città in salute per il progresso di Sant’Anastasia”, partito politico culturale, si unisce al coro di solidarietà per il comandante Luigi Maiello.

Ecco il messaggio:

“Figlio di puttana, sei un morto che cammina. Ti faremo sparire, non potranno nemmeno piangerti più. Sappiamo dove vivi tu e la tua famiglia”.
Con queste parole, i soliti vigliacchi, i soliti camorristi, hanno minacciato il Comandante della polizia municipale di Pomigliano d’Arco Luigi Maiello.
A Luigi, amico, concittadino, integerrimo e valoroso tutore dell’ordine, inviamo tutto il nostro sostegno.
Caro Luigi, contro questo schifo, contro questa feccia che uccide socialmente, culturalmente ed economicamente la nostra terra, NON SEI SOLO.
Noi, ti saremo sempre accanto.
La risposta già la conosciamo, ma vogliamo dirtelo lo stesso: non mollare.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti