sabato 23 Ottobre 2021
HomePoliticaComandante della polizia locale, ecco gli errori del segretario comunale evidenziati da...

Comandante della polizia locale, ecco gli errori del segretario comunale evidenziati da 4 consiglieri

SOMMA VESUVIANA. Se a chiedere di fare chiarezza su una questione amministrativa (comandante polizia locale) sono tre consiglieri di maggioranza ed una ex consigliera della stessa coalizione (che rappresenta da capogruppo anche un altro esponente consiliare) allora che la situazione sia più complessa di come la vogliono far apparire è chiaro. Per questa ragione torniamo a scrivere della nota firmata dal segretario comunale Massimo Buono (nota interna n. 20218 del 17/08/2021) con cui si richiedeva ai Funzionari di categoria D notizie riguardanti la presenza dei requisiti per lo svolgimento dell’incarico di Comandante di Polizia Municipale.
Torniamo sull’argomento perchè ci ha colpito qualche passaggio sottolineato anche nella mozione presentata da Vincenzo De Nicola, Angelo De Paola e Vincenzo Neri e da Adele Aliperta. Mozione che, ricordiamo, hanno indirizzato al sindaco, al segretario comunale, al presidente del Consiglio e alla giunta e che andrà discussa nella prima seduta consiliare utile.

Avviso comandante Pm, mozione di tre consiglieri di maggioranza e un capogruppo

 

Nella lettera firmata da Buono, letteralmente è scritto che:
“L’amministrazione ha inteso programmare questa assunzione a tempo determinato, ex art. 110 comma 1, per la necessità di assumere un’alta specializzazione alla quale conferire le funzioni di Comandante della Polizia Locale (posizione organizzativa n°6)”.
Eppure agli atti del comune ad oggi non vi è alcuna deliberazione della giunta in tal senso. Ovvero non esiste nessun atto sulla necessità di assumere un’alta specializzazione alla quale conferire le funzioni di comandante, così come scritto dal segretario comunale nell’interpello (ricordiamo che questa figura c’è già in Comune, è il tenente colonnello Claudio Russo che è stato assunto due anni fa vincendo un concorso espletato proprio dall’attuale amministrazione comunale).
Non essendoci nessun atto del sindaco e dei suoi assessori dobbiamo desumere che tale necessità di assumere un nuovo professionista, o meglio tale “intenzione” (non siamo certi che tutto l’iter sia legalmente fattibile) sia frutto di una mera “interpretazione” del segretario comunale che più volte ha dimostrato la sua prontezza nel preparare gli atti del Comune di Somma Vesuviana. Il segretario comunale però non ha ruoli politici e quindi non può sostituirsi all’amministrazione comunale e decidere se vi siano necessità come quelle che lui prospetta nella nota del 17 agosto. Ad oggi l’Amministrazione ha solo, e semplicemente, manifestato con la delibera n° 59 del 16/7/21 la volontà di assumere un “istruttore direttivo di vigilanza” è evidente che non si tratta di quello che scrive Buono nella sua nota: Nessuna alta professionalità, nessun comandante della polizia locale, nessun responsabile POn6.
Ora non resta che attendere per capire quale decisione sarà presa a riguardo a Palazzo Torino. Ma intanto noi teniamo alta l’attenzione sulla questione ritenendo che un comandante della polizia locale, che sta svolgendo il suo lavoro e al quale è stato recentemente fatto anche un encomio ufficiale,non possa essere messo in discussione dalla “politica” proprio perchè sta effettuando controlli e verifiche che sono alla base della sua attività professionale.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna".

Articoli recenti