sabato 23 Ottobre 2021
HomeAttualitàComunali Napoli. La Confapi invita alla collaborazione

Comunali Napoli. La Confapi invita alla collaborazione

Napoli. Il presidente junior, Massimo Di Santis: “finita epoca isolazionismo della città”.

«La digitalizzazione degli uffici destinati ai servizi per il cittadino è la vera grande sfida del Recovery plan a Napoli. La chiave di svolta possibile per migliorare l’efficienza di una macchina amministrativa antiquata e priva di risorse sia materiali che umane».

A dirlo è Massimo Di Santis, presidente del gruppo Giovani Confapi di Napoli, nel corso dell’incontro coi candidati sindaci organizzato dalla Fondazione Banco di Napoli, presieduta da Rossella Paliotto, a cui hanno preso parte associazioni datoriali e rappresentanze di categoria.

«I giovani imprenditori e i giovani professionisti del capoluogo chiedono al prossimo primo cittadino un monitoraggio costante su come saranno spesi i fondi del Pnrr – aggiunge Di Santis –. Ma, oltre ai progetti e ai programmi su cui tutti convengono, c’è un impegno che il futuro sindaco dovrà mettere in campo con la collaborazione di tutti: e cioè la capacità di dialogo e di costruzione di sani rapporti istituzionali. Non un tema secondario ma la cornice necessaria per realizzare i programmi elettorali che porteranno questo o quello a indossare la fascia tricolore».

«Dopo dieci anni in cui la parola d’ordine è stata “rivoluzione”, serve il ritorno alla sana normalità. L’antipolitica, che pure tanto successo ha avuto a Napoli con esperimenti che si sono allargati a livello nazionale, non è utile anzi è dannosa per governare una lenta e articolata macchina amministrativa come il Comune di Napoli. A cui mancano, ricordiamolo sempre, non solo risorse economiche ma anche e soprattutto uomini. C’è un deficit enorme di dipendenti a Palazzo San Giacomo e nelle sue diramazioni territoriali che rappresenta un ostacolo enorme alla funzionalità della vita amministrativa cittadina».

«Né possiamo immaginare, come pure è stato fatto negli anni scorsi, che l’“isolamento” sia una soluzione o un valore. Napoli non è sufficiente a sé stessa: Napoli ha bisogno invece dell’aiuto di tutti, soprattutto di Roma, per uscire dalla sabbie mobili in cui si trova. Non interloquire con le istituzioni sovraordinate – prima tra tutte la Regione Campania – e non avere un dialogo costruttivo con il Governo centrale sono errori che condannano, soprattutto in ottica Recovery, Napoli all’irrilevanza». (L’ufficio stampa).

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti