mercoledì 30 Novembre 2022
HomeNewsConclusa prima edizione “Parco delle pareti dell’arte”, scoperti i murales

Conclusa prima edizione “Parco delle pareti dell’arte”, scoperti i murales

«Questo muro rappresenta delle finestre di colori e una porta di accoglienza». Con queste parole Nello Collaro, uno dei due direttori artistici dell’evento “Parco delle Parete d’arte”, ha inaugurato i murales dipinti sul muro di piazza Municipio, alle spalle del Palazzo comunale. Si è chiusa sabato sera la prima edizione dell’evento, finanziato con fondi della Città Metropolitana di Napoli, che ha portato a Boscotrecase undici pittori da tutta la Campania e dedicata, appunto, al tema dell’accoglienza, che ha animato il borgo vesuviano per quasi un mese, con il lavoro vero e proprio degli artisti e gli altri eventi collaterali, come “Vini del Vesuvio, tra storia e leggenda” che si è tenuto il 28 ottobre.
Una festa nella festa sabato sera, dove erano presenti molti cittadini, le autorità del territorio – tra questi il neo senatore del M5S Orfeo Mazzella, il consigliere regionale Mario Casillo ed il sindaco della vicina Boscoreale Antonio Diplomatico – ed esponenti della cultura come Giovanni Casale, ideatore del borgo di Valogno, e Domenico Sorrentino. «Questi disegni saranno la copertina del grande libro che ci porterà a dipingere ancora molto altro della nostra storia nei quartieri, nelle strade e nei vicoletti di Boscotrecase». Ha esordito Nello Collaro, che ha auspicato «una maggiore sinergia con i paesi vicini, così da creare un asset che ci permetta di sviluppare una vocazione turistica».
A fare eco a questa idea l’assessore boschese alla Cultura e Turismo Marialuisa Russomanno: «L’idea è educarci al bello. Abbiamo fatto un grande lavoro, avendo dei professionisti da tutta la Campania che ci hanno aiutato nel nostro progetto. Li ringrazio perché hanno reso un’opera meritoria per la nostra comunità ed il territorio vesuviano. Andremo oltre questo primo progetto». Ha assicurato.
Sul tema della cultura ha posto l’accento anche il sindaco Pietro Carotenuto: «Occuparsi di un paese significa avere cura della manutenzione di strade e scuole, ma anche creare percorsi culturali che aiutino a crescere meglio le nuove generazioni. Parco delle Parete d’arte è un ulteriore tassello in un percorso che abbiamo iniziato da anni». Secondo il primo cittadino: «La dispersione scolastica, la micro e macro criminalità che caratterizzano questi luoghi, ed anche la tutela dell’ambiente passano attraverso dei percorsi culturali. Questo è un punto di partenza, vogliamo creare percorsi in ogni quartiere. Noi doniamo questi murales ai cittadini chiedendo di accoglierli, custodirli e farli conoscere». Infine, ha concluso: «Abbiamo colorato un muro bianco con dipinti ispirati al tema dell’accoglienza: mi auguro che siano di buon auspicio anche al governo nazionale, affinché dia dignità agli immigrati».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti