lunedì 8 Marzo 2021
Home Attualità Consap, la denuncia: La criminalità alza il tiro e il Questore che...

Consap, la denuncia: La criminalità alza il tiro e il Questore che fa?

NAPOLI. L’organizzazione sindacale, Consap (Confederazione sindacale autonoma di polizia ), denuncia: Default della sicurezza a Napoli!!!  Il documento della Consap punta il dito contro il Questore di Napoli.

Ill.mo Signor Capo della Polizia,

Nella città di Napoli da circa sei mesi si sta registrando un crescendo di reati in genere e di omicidi che ha acuito ancora di più quel senso di insicurezza già esistente nei cittadini di Napoli e della sua provincia, che all’unisono assistono increduli all’assordante silenzio del Questore di Napoli, mendicando più sicurezza nelle strade.

Si Ill.mo Signor Capo della Polizia, che piaccia o no,  dobbiamo dire le cose come stanno!!!.

La criminalità sta alzando il tiro e il Questore  cosa fa???

Solo negli ultimi cinque giorni i quotidiani hanno usato fiumi e fiumi d’inchiostro per scrivere articoli di cronaca nera al fine di denunciare numerosissimi reati tentati e consumati che fanno vivere i cittadini partenopei nella costante paura di trovarsi inconsapevolmente vittime del balordo di turno.

I reati ormai non si contano più e non lo dice solo questa OS CONSAP ma anche le numerose persone, che si recano negli uffici denunce, che esplodono tutta la loro amarezza per l’ennesima rapina subita.

In meno di una settimana si sono registrati dei veri e propri scenari di guerriglia urbana con una criminalità che sta “dimostrando” di essere sempre più violenta e scatenata e ciò non lo dice solo questa OS CONSAP, ma anche il turista di 23 anni che è stato accoltellato al torace  mentre passeggiava tranquillamente con la propria fidanzata nella centralissima  Piazza del Plebiscito, sede del Palazzo di Governo.

Nella città di Napoli la sicurezza è una chimera e non lo dice solo questa OS CONSAP, bensì un giovane di 22 anni che è in fin di vita in Ospedale con fegato e polmone perforato solo perché non ha ceduto ad un tentativo di rapina del proprio scooter ad opera di due balordi armati a volto scoperto.

Ill.mo Signor Capo della Polizia, la città di Napoli, come tutte le grandi Metropoli del mondo, vive oggi come non mai, il cancro della criminalità, ma assistere ad un assalto armato in pieno centro ad un furgone portavalori da parte di quattro banditi armati, che non si preoccupano di esplodere colpi di arma da fuoco tra la gente, assume il sapore di un territorio abbandonato a se stesso con un Questura che resta a guardare.

s e g u e

CONFEDERAZIONE SINDACALE AUTONOMA DI POLIZIA

SEGRETERIA NAZIONALE

Via Nazionale 214 00184 Roma

Tel 06/4782554 Fax 06/47825538
Sito internet: www.consapnazionale.com

e-mail : info@consapnazionale.com

Il clima di insicurezza che si respira oggi nella città di Napoli con l’attuale gestione della “sicurezza” del Signor Questore non fa bene alla nostra amata Polizia di Stato e non lo dice solo questa OS CONSAP, ma lo stesso referente Confcommercio per l’area di Piazza Garibaldi denuncia con ragione sui mass media l’ennesima aggressione in strada dichiarando sui giornali il grave stato di abbandono in cui oggi, cittadini ed esercenti si sentono a tutte le ore del giorno e della notte.

Il grido di allarme per la totale insicurezza nelle strade e per le scene di far west che quotidianamente si è costretti ad assistere, dovuto all’attuale gestione della “sicurezza”a Napoli, non lo dice solo questa OS CONSAP, ma viene denunciato anche dai Politici locali quali capigruppo delle varie Municipalità, che lamentano sui media di settimane di furti e rapine e del totale abbandono dello Stato, definendo il territorio in cui vivono, fuori controllo.

Questa OS CONSAP si augura che i vertici della Questura di Napoli non “individuino”quale responsabile della escalation della criminalità, il Dirigente della locale UPG avendo egli dimostrato sempre di  lavorare con risorse umane esigue e con molteplici difficoltà.

Ma il problema della “gestione” della sicurezza, evidentemente è da individuarsi in altri piani della Questura.

Infine, Ill.mo Signor Capo della Polizia questa OS CONSAP si è limitata ad elencarle solo qualche episodio ma i reati consumati e tentati ai danni dei cittadini non si contano più, pertanto se la scrivente OS CONSAP le denuncia pubblicamente l’ attuale e contestabile gestione della sicurezza da parte della Questura di Napoli e se al nostro grido di allarme si uniscono all’unisono vittime dei reati e denunce pubbliche di politici locali e rappresentanti delle associazione dei commercianti, significa che l’allarme criminalità fotografato dalla scrivente OS CONSAP rispecchia la realtà.

Ill.mo Signor Capo della Polizia contestualmente alla stesura del presente comunicato, nella mattinata odierna un’altro omicidio è stato commesso a pochi passi dalla Questura di Napoli.

Questa

OS CONSAP

non aggiunge altro. lasciando a alla Ill,ma SV  eventuali valutazioni del caso.

L’occasione è gradita per porgere alla Ill.ma SV, distinti saluti.

Roma 05.07.2014

Il Segretario Generale Nazionale Vicario

Dr SCALZO Sergio

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti