domenica 29 Gennaio 2023
HomePoliticaConsumi idrici pregressi, dal consiglio comunale via libera alla transazione con l’Arin/Abc

Consumi idrici pregressi, dal consiglio comunale via libera alla transazione con l’Arin/Abc

ACERRA – Un accordo che farà risparmiare al Comune di Acerra circa 10 milioni di euro.
E’ quanto ha deliberato questa mattina il consiglio comunale della città (16 voti favorevoli e 7 contrari) nell’approvare la transazione tra Arin/Abc e Comune di Acerra, un provvedimento che lo scorso 30 novembre aveva già ottenuto il via libera dalla giunta. Una vicenda nata nel 2002 per alcuni consumi idrici pregressi che portarono nel 2006 ad un decreto ingiuntivo di oltre 8 milioni di euro a carico dell’ente. Il legale al quale il Comune si rivolse all’epoca, però, non si oppose nei termini di legge previsti. A quel decreto se ne aggiunsero altri tre – 2007, 2008 e 2019 – che insieme alle spese legali avrebbero portato un debito valutato – ad oggi – in circa 20 milioni di euro. Con la transazione approvata in Assise, invece, il Comune di Acerra chiude definitivamente tale capitolo con un’intesa comprensiva pari a 10.888.453,13 euro.

“Un atto di responsabilità” ha sottolineato il sindaco Tito d’Errico.

“Questa vicenda è stata sottoposta a giudizio di contenzioso che alcune volte ha visto prevalere il Comune di Acerra, altre, invece, la società idrica. In vacatio di queste sentenze già nel 2016 si era deciso di effettuare un accordo: oggi, in proposito, paghiamo diversi milioni in meno rispetto a quella transazione” ha sostenuto il presidente del consiglio comunale Raffaele Lettieri.

Il consiglio comunale, inoltre, ha ultimato la composizione del Collegio dei Revisori dei Conti: ai due componenti nominati con sorteggio dalla Prefettura, l’Assise ha eletto in qualità di Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti il dott. Domenico Molisso.

“Al Collegio dei Revisori dei Conti vanno gli auguri di buon lavoro di tutta l’amministrazione comunale” il commento del sindaco d’Errico.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti