lunedì 30 Marzo 2020
Home Cronaca Coronavirus: ancora vittime tra i medici

Coronavirus: ancora vittime tra i medici

Nuove vittime tra i medici della medicine generale. Silvestro Scotti: «Sono trenta i medici morti in Italia, di cui 17 medici di famiglia».

«Ancora una volta in questo mese drammatico mi trovo ad esprimere le mie condoglianze alle famiglie di colleghi della medicina generale deceduto per aver contratto il coronavirus. Come presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli, alla famiglia del collega Gaetano Autore va il mio più sentito abbraccio, come la mia vicinanza a tutti gli altri presidenti degli Ordini dei Medici d’Italia che si trovano ormai quotidianamente nelle mie stesse condizioni». Così il segretario Generale FIMMG Silvestro Scotti.  «Sono trenta i medici morti in Italia – ricorda Scotti –  di cui 17 medici di famiglia. Tra tra ieri e oggi, dei 6 medici morti ben 5 sono medici di famiglia. Questo dovrebbe far riflettere le Istituzioni Sanitarie, i medici vanno protetti e nessuno può sentirsi in pace con la coscienza se continua ad esporre medici e personale sanitario senza protezioni individuali e organizzative. È ormai evidente che per la medicina di famiglia il tempo sta finendo. Vogliamo sperare che la dematerializzazione delle ricette, il triage telefonico prima di ogni visita ambulatoriale o domiciliare (per noi e per i colleghi medici dei distretti specialisti) come tutte le soluzioni che stanno partendo compreso il consulto a distanza, il video consulto, le consulenze specialistiche telefoniche, possano servire a fermare questa strage. Purtroppo però ogni giorno mi chiedo se ho dimenticato qualcosa, se potevo fare, pensare o agire qualcosa di più. Sento forte questa domanda dentro di me altrettanto forte il desiderio di continuare a cercare delle soluzioni. Voglio sperare dal profondo del mio cuore che questa stessa condizione riguardi tutti quelli che hanno più di me responsabilità direzionali e di governance a tutti i livelli e che soprattutto valutino se ognuno di loro ha fatto tutto quello che poteva per tutti gli attori della nostra sanità, perché se non fosse così siamo di fronte ad una strage di Stato».

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Pomigliano. Covid19, via ai posti di blocco e new jersey per i controlli

POMIGLIANO D'ARCO. Covid19, da domani posti di blocco con new jersey per controllare tutte le auto. Poche contravvenzioni elevate oggi a Pomigliano d'Arco, "sintomo" che...

Buoni spesa ad Acerra. Ecco come averli

E’ già online sul sito del Comune di Acerra la modulistica per poter richiedere il buono spesa connesso all’emergenza alimentare da coronavirus per l’acquisto...

Covid19, 30minuti d’aria al giorno per i bimbi: a Napoli parte la petizione

NAPOLI. Covid19, 30minuti di passeggiata al giorno per i bimbi: la petizione promossa dall'associazione GuapaNapoli. "Trenta minuti di passeggiata all'aria aperta per i bambini" durante...

Sale a 63 il numero dei medici deceduti per covid 19

Altri due medici si aggiungono alla lista dei decessi tra i camici bianchi per Covid-19: sono, si apprende dalla Federazione degli ordini dei medici...

Choc a Somma. Su Whatsapp gli audio dell’Amministrazione coi nomi dei contagiati

SOMMA VESUVIANA. In città, sui social e nei gruppi Whatsapp si è creata una assurda "caccia alle streghe", del tutto fuori luogo, pericolosa e...
- Advertisment -