mercoledì 8 Dicembre 2021
HomeCronacaCovid. Addio a Michele Serio, scrittore e musicista napoletano

Covid. Addio a Michele Serio, scrittore e musicista napoletano

Napoli. Lutto nel mondo della cultura. È venuto a mancare a 67 anni lo scrittore Michele Serio ricoverato all’ospedale Cotugno per covid, era contagiato da due settimane, ma le sue condizioni all’inizio non destavano preoccupazione. Peraltro non era neanche ricoverato in terapia intensiva e i suoi parametri risultavano discreti. Poi l’improvviso aggravarsi della situazione e il decesso questa mattina.

Michele Serio per chi non lo conoscesse era un musicista, scrittore e autore di programmi per radio e tv con grandi successi anche a teatro: ma anche un raffinato intellettuale orgoglioso di essere napoletano, Michele Serio era un riferimento per gli scrittori più giovani, allegro, ironico e sagace.

Ma Michele Serio era apprezzato anche colleghi scrittori come Niccolò Ammaniti, Valerio Evangelisti e Serge Quadruppani.

Michele Serio era amato in tutta Europa ed era innamorato della sua città. Tanti i messaggi di cordoglio dal mondo della cultura, anche lo scrittore e amico Maurizio de Giovanni si sfoga su fb:

“Michele Serio.
Napoli perde il più visionario, folle e talentoso degli scrittori.
Io perdo il più caldo degli abbracci, il più dolce dei sorrisi.

Ti voglio bene, amico mio. Te ne vorrò per sempre”.

Cercando su google anche Wikipedia dedica a Michele Serio una pagina di approfondimento: “Ha iniziato come musicista e compositore di canzoni pop. Il suo album concept Amici contiene La canzone di Antonella, ancora oggi considerata una melodia di culto”.

Michele Serio era un autore in grado di spaziare dal mondo della musica alla Letteratura. Lunga è la lista dei suoi romanzi e nel 2020 Michele Serio aveva pubblicato il suo ultimo libro dal titolo “E tu di che congiuntivo sei?” per la casa editrice “Cento autori”.

Il nostro cordoglio è rivolto ai tanti amici e fans dell’amato Michele Serio ma soprattutto alla figlia Eva Serio e allo splendido nipotino.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti