Home Cronaca Covid: padre, madre e figlia muoio uccisi dal virus in otto giorni....

Covid: padre, madre e figlia muoio uccisi dal virus in otto giorni. Nessuno dei tre era vaccinato

Ricovero ospedale letto, fonte foto web
Ricovero ospedale letto, fonte foto web

Torre del Greco. Tre componenti di uno stesso nucleo familiare di Torre del Greco (Napoli), i due anziani genitori e la loro figlia di 58 anni, sono morti nell’arco di soli otto giorni stroncati dal Covid-19. La notizia viene confermata dal direttore sanitario dell’Asl Napoli 3 Sud, Gaetano D’Onofrio, che sottolinea: “Non erano vaccinati in quanto – vado a memoria ma ritengo di ricordare bene – non avevano proprio chiesto di essere vaccinati”.

I tre erano residenti, nella zona periferica della città, ed erano stati ricoverati al Covid hospital di Boscotrecase. Da quanto si apprende, la sequenza si è aperta l’8 luglio scorso quando la più giovane tra loro, la figlia di 58 anni, è stata vinta dal coronavirus. Poche ore dopo è deceduto l’anziano padre, 89 anni.
Il 16 luglio ha smesso di vivere la consorte di quest’ultimo, di quattro anni più giovane. È drammatica inoltre la circostanza che un altro figlio della coppia sia a sua volta ricoverato, sempre per Covid, al Cotugno di Napoli e al momento pare non abbia ancora saputo della tragedia.
Stando a ciò che trapela, gli anziani avevano deciso di non iscriversi alla piattaforma vaccinale per timori legati alla loro salute, pur se non in presenza di patologie gravi. ”Inutile girarci intorno – prosegue D’Onofrio – la gente che non si vaccina rischia sulla propria pelle, anche se in molti continuano a non voler capire. L’Inghilterra è un esempio lampante: pur in presenza di più di 50.000 casi al giorno, ad arrivare in ospedale sono solo i non vaccinati”. In questo ragionamento, i numeri a disposizione dell’Asl Napoli 3 Sud sono lampanti: ”La nostra popolazione residente conta su circa 920.000 persone vaccinabili, ovvero coloro che hanno dai 12 anni in su: di queste 643.000 si sono regolarmente prenotate e 605.000 circa hanno ricevuto almeno una dose. Resta inteso che la nostra piattaforma può non avere intercettato chi, pur residente nei comuni dell’Azienda sanitaria, si è vaccinato in un’altra Asl, ma sta di fatto che restano circa 280.000 persone attualmente non prenotate. È questo lo zoccolo duro sul quale si dovrà agire nell’immediato futuro”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Nessun commento