giovedì 22 Aprile 2021
HomeCultura e SpettacoliDante&Descartes, rivive la storia di Nina con la scrittrice Battista

Dante&Descartes, rivive la storia di Nina con la scrittrice Battista

Napoli. Spesso gli archivi custodiscono storie dimenticate, che hanno però lasciato una scia alchemica che richiama anni dopo anime gentili che raccolgono quel che resta di vite passate. Donne e uomini che hanno sofferto, amato, riso e pianto ma che i loro nomi si sono persi nelle carte ammuffite dei faldoni riposti alla rinfusa in stanze senza luce. Ed in uno di questi “vani” dimenticati la scrittrice Adelia Battista ha ritrovato il nome di Nina Bottone, una bimba orfana affidata alla sua nonna con sua sorella Teresa dopo la morte della mamma. Un padre violento, che tenta di abusare della sorella maggiore, l’orfanotrofio che accoglie i piccoli cuccioli feriti, l’amore di una nonna che combatte con le unghie e con i denti per riprendersi le sue nipoti, una Napoli e un vicolo che fanno da cornice ad una storia che merita di rinascere. Battista ossigena la piccola orfanella, le ridà il cuore per battere e il cervello per ricordare e così questo piccolo e misterioso personaggio rivive tra le pagine di “Nina Vico Storto Concordia, 10” edito dalla casa ditrice “Dante & Descartes”, la storica libreria di Mezzocanone (e piazza del Gesù) di Raimondo Di Maio, balzata l’anno scorso agli “onori della cronaca” letteraria di tutto il mondo per aver pubblicato le poesie di Louise Glück, premio Nobel 2020. Con la postfazione di Lia Sellitto, “Nina Vico Storto Concordia, 10” non è una storia triste, come può sembrare, ma un racconto resiliente, di rinascita. Nina si aggrappa alla sua seconda vita con speranza, sogna di realizzare il suo desiderio di cantante. Non solo la “scuola” dei “vicoli” la convince a non demordere ma anche grazie l’ancoraggio a sua nonna, fonte eterna di saggezza, lei riesce ad uscire dal suo buio “bozzolo”, per diventare una meravigliosa farfalla con i colori caldi della sua città. La prima parte di Nina vi aspetta in libreria, in attesa di scoprire i suoi risvolti nel prossimo lavoro di Battista: “Napoli è una canzone. Nina canta a New York”.

Leggi anche

Seconda ristampa per ‘Nina’, Battista: ‘La storia diventata un romanzo’

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti