sabato 23 Ottobre 2021
HomePoliticaDe Nicola: "Sulla nostra mozione si esprima il Consiglio"

De Nicola: “Sulla nostra mozione si esprima il Consiglio”

Somma Vesuviana. Dal consigliere comunale Vincenzo De Nicola riceviamo una nota che di seguito pubblichiamo riguardo il caso del comandante della polizia locale.

Comandante della polizia locale, ecco gli errori del segretario comunale evidenziati da 4 consiglieri

 

Nella qualità di Consigliere Comunale, con la presente comunica quanto segue: – la delibera di giunta comunale n°78 del 06/10/2021, al netto del chiaro `pasticcio” contabile e al contrario di quanto da Lei rappresentato, non fa venir meno la necessità e l ‘urgenza della mozione, ma bensì ne aggrava le conseguenze con riferimento alle altre posizioni organizzative e pertanto, di fatto, la rafforza; la mozione va considerata nella sua interezza, difatti comprende due punti su cui far esprimere il Consiglio Comunale. A parere dello scrivente, inoltre, appare molto grave che il Presidente del Consiglio, dopo circa due mesi di mancate convocazioni per deliberazioni molto piú urgenti ed importanti e per le quali è stato più volte anche sollecitato, si appelli addirittura al senso di responsabiltà di alcuni consiglieri per snellire i lavori di un Consiglio Comunale che deve, in ogni caso, essere la massima espressione della collettivitá e dei relativi interessi. Giova ribadire che, come da Regolamento del Consiglio Comunale vigente, le mozioni vanno sempre portate in Consiglio Comunale e, solo in quella sede, la Presidenza può, eventualmente rivolgere un invito ai consiglieri firmatari.

La presente vale anche come ulteriore sollecito per la convocazione del Consiglio comunale it cui ritardo continua a produrre un effetto dannoso e penalizzante sulla Cita di Somma Vesuviana, significandoLe formalmente la necessità di discutere la mozione in oggetto specificata in Consiglio Comunale che, mio malgrado, dovrebbe essere sicuramente rappresentato con maggiore “buonsenso”. Tanto si deve per la tutela dell’interesse collettivo.

 

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti