sabato 15 Maggio 2021
HomePoliticaDecreto Semplificazioni, Meritocrazia Italia: "Intervenire nei settori chiave"

Decreto Semplificazioni, Meritocrazia Italia: “Intervenire nei settori chiave”

ROMA. Pubblichiamo il comunicato di Meritocrazia Italia sul decreto semplificazioni.

Arriva a notte fonda, dopo mesi di travaglio, il via libera del Governo al Decreto semplificazioni, se pur con la formula “salvo intese” che ci si affretta a qualificare come tecniche e non politiche, nonostante appaia evidente come l’inserimento di detta locuzione in un atto ufficiale dia un senso di vaghezza in contrasto con il bisogno, e il diritto, di trasparenza che i cittadini hanno di
fronte alle attività delle istituzioni. Il consiglio dei Ministri è, dunque, finalmente riuscito ad approvare il testo che si propone l’obiettivo di costituire un intervento organico volto alla semplificazione dei procedimenti
amministrativi, all’eliminazione e alla velocizzazione di adempimenti burocratici, alla digitalizzazione della pubblica amministrazione, al sostegno all’economia verde e all’attività di impresa, per far fronte agli effetti negativi dell’emergenza Covid. Il decreto, composto da 54 articoli suddivisi in Titoli e Capi, interviene, in particolare, sulle seguenti quattro principali direttrici: semplificazioni in materia di contratti pubblici ed edilizia, semplificazioni procedimentali e responsabilità, misure di semplificazione per il sostegno e la
diffusione dell’amministrazione digitale, semplificazioni in materia di attività di impresa, ambiente e green economy. Meritocrazia Italia accoglie con favore l’iniziativa, sottolineando come molte delle principali misure ipotizzate siano state proposte con largo anticipo, dal Movimento, all’attenzione delle
forze di governo e parlamentari, segno dell’importanza della propositività delle soluzioni di conio associativo, poste a beneficio del Paese senza preoccupazione alcuna della finale spartizione dei relativi meriti. Certo, i margini di miglioramento sono ancora ampi, così come le ulteriori misure da mettere in
campo, in uno ai nodi da sciogliere, relativi, in particolare, alle semplificazioni in materia di contratti pubblici, all’elenco delle opere da sbloccare, ai poteri dei commissari e delle grandi opere da porre sotto la loro regia e molto altro.
Meritocrazia Italia chiede, pertanto, di intervenire con maggiore coraggio e con urgenza nei settori ‘chiave’ per il superamento dell’attuale situazione, mediante una importante iniezione di fiducia ma anche (e forse ancor più) di prospettiva e di risorse economiche, per abbattere quei limiti di funzionamento radicati nel tempo e acuiti dalla recente fase emergenziale e perché, mai come in questo momento, si avvertiva l’esigenza di un segno di rottura con un passato fatto di interventi frammentari e di comparto e del recupero di una visione di sistema, con proposta di soluzioni a vocazione di durata e fin da subito idonee a invertire prassi non funzionali.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti