mercoledì 22 Settembre 2021
HomeEconomiaDema, da oggi gli operai nuovamente in stato di agitazione

Dema, da oggi gli operai nuovamente in stato di agitazione

Somma Vesuviana. Dopo un viaggio a Roma in cui ci sono stati comunicati intenti e obbiettivi, per ricostruire l’immagine e la credibilità della Dema, con l’inconveniente di non riuscire sui voucher a rispettare it CCNL.
Oggi martedì 6 luglio 2021 veniamo convocati per due ulteriori passi verso la costruzione della credibilità perduta: 1) Anche it perequativo nelle intenzioni dell’azienda non verrà pagato secondo le indicazioni del CCNL; 2) Nelle intenzioni dell’azienda dopo un anno di cassa integrazione, dopo pin di un mese dalle richieste di ferie, solo in data odierna, ci viene comunicata l’impossibilita di mantenere in alcune aree produttive le richieste pattuite, per sec:wire un piano di recupero fatto in spregio ed in mancanza di rispetto totale del lavoratori.
Su entrambe le questioni, dopo un’assemblea con i lavoratori, la RSU ha deciso di avviare lo stato d’agitazione al fine di mettere in risalto la grossa preoccupazione sulla tenuta _finanziaria della nostra azienda, tenuta finanziaria the continua a preoccupare la stragrande maggioranza dei lavoratori, in ascolto ai quali e attivato a partire da questa settimana un consulto con i legali di Fim Fiom Uilm in fine di capire bene nei termini di legge quali diritti possono esercitare gli stessi.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti