mercoledì 5 Ottobre 2022
HomeComunicati stampaDifesa del Marchio Italiano, Vitale: Sterile ironizzare su passerelle

Difesa del Marchio Italiano, Vitale: Sterile ironizzare su passerelle

NOLA. Difesa del Marchio Italiano, una priorità anche per i piccoli commercianti. Sterile ironizzare su passerelle. L’attacco ad un evento che voleva essere simposio di riflessione su come la concorrenza a basso prezzo, spesso a nero e inflazionata dagli stranieri, stia uccidendo il commercio, è un’occasione persa per cercare di proporre fattività.

Vuol esordire così Domenico Vitale, per rispondere alle accuse mosse dal candidato sindaco del centrosinistra, Mariafranca Tripaldi, che aveva sollevato dubbi sull’importanza del convivio organizzato ieri da Fratelli d’Italia, con ospiti tra l’altro gli onorevoli Meloni e Alemanno. “Non abbiamo bisogno di ‘passerelle’ per mostrare come la nostra sia una progettualità seria e con contenuti prestanti – afferma Vitale: ribadisco che la difesa del piccolo imprenditore e del grande marchio, distrutti dalla concorrenza sleale attuata dall’imprenditoria sommersa e dalla pressione fiscale, piaghe che gravano sulle loro spalle, è un elemento centrale nel nostro programma. Anzi, ci tengo a ringraziare anche in questa sede l’organizzazione cittadina di FdI, che con gli interventi degli onorevoli Meloni ed Alemanno, ha voluto mostrare come il Partito centrale abbia a cuore le tematiche di vicinanza al territorio, lavoro in nero e sgravo fiscale”. Si lascia poi andare ad una riflessione il candidato sindaco: “Mi sembra alquanto ironico sindacare su chi faccia o meno ‘sfilate’: queste le lascerei alle case d’alta moda, dove il “Made in Italy” si fa sentire, eccome. Personalmente non ho mai avuto la vocazione da modello, ma se dopo poche ore il rilascio di tali comunicati stampa, fa seguito la notizia di presentazioni di lista con altri onorevoli e sindaci-capoluogo, ciò non può far altro che farmi sorridere: sembra che non siamo i soli con questa aspirazione”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti