domenica 23 Gennaio 2022
HomePoliticaDimensione europea e candidatura Unesco: il Carnevale Palmese va avanti

Dimensione europea e candidatura Unesco: il Carnevale Palmese va avanti

PALMA CAMPANIA. Dimensione europea e candidatura Unesco: il Carnevale Palmese va avanti. Daniele Rainone, presidente della Fondazione Carnevale Palmese, chiarisce la sua posizione rispetto alle ultime polemiche verificatesi, con alcune Quadriglie.

“Il Carnevale Palmese va avanti. A nessuno è concesso di fare il funerale ad una tradizione centenaria, che appartiene al popolo e che non è il capriccio di pochi intimi”. Così il presidente della Fondazione Carnevale Palmese, Daniele Rainone, chiarisce la sua posizione rispetto alle ultime polemiche verificatesi, con alcune Quadriglie che hanno dichiarato di non voler partecipare alla prossima edizione del Carnevale.

Rainone, che spiega di parlare a nome dell’intera Fondazione, aggiunge:  “Grazie al contributo ed al supporto di tutte le altre Quadriglie che hanno dato l’adesione per partecipare al Carnevale, la Fondazione pubblicamente si assume l’impegno di far in modo che il prossimo sia uno dei più belli Carnevali della storia”.

Rainone sottolinea, inoltre, il lavoro fatto dalla Fondazione fino a questo momento: “In Europa le Quadriglie sono state ammesse a far parte del progetto “Ephemeral heritage of the european carnival rituals” promosso dall’Universitat Politecnica di Valencia finalizzato alla creazione  di una piattaforma comune tra i più importanti carnevali d’Europa per diffondere gli eventi e creare collegamenti tra di essi, siamo in buona compagnia unitamente ai Carnevali di Valencia, Lisbona, Mainz e così via.  Nel mondo, La Fondazione Carnevale, grazie anche al supporto di un giovane e brillante concittadino, il professor Giuseppe Sorrentino che pubblicamente ringraziamo, ha ultimato la domanda per iscrivere “Le Quadriglie”nella lista del patrimonio immateriale dell’Unesco”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti