mercoledì 28 Luglio 2021
HomeCronacaDipendenti indagati. Capasso (M5s): "Avevamo chiesto chiarezza 2 anni fa, ora...

Dipendenti indagati. Capasso (M5s): “Avevamo chiesto chiarezza 2 anni fa, ora l’onesta a Marigliano sta tornando di moda”

MARIGLIANO. Sulla vicenda dei 61 dipendenti comunali indagati a Marigliano dalla procura di Nola è intervenuto anche il capogruppo e consigliere della città Metropolitana del M5s Francesco Capasso. Già due anni fa l’esponente dei 5 stelle si era espresso sulla questione anche in numerose trasmissioni tv. Oggi interviene dal suo profilo ufficiale su Facebook.

“Le idi di marzo”, scrive Capasso, “Due anni fa, abbiamo chiesto all’amministrazione di fare chiarezza sulle numerose segnalazioni di cittadini che denunciavano l’assenteismo dei dipendenti comunali durante l’orario di lavoro. In qualità di portavoce del M5S, il 24 marzo 2016, presentai un’interrogazione scritta chiedendo di adottare tutte le azioni necessarie con lo scopo di tutelare da ogni punto di vista ed in ogni sede i dipendenti onesti del Comune di Marigliano. La nostra interrogazione fu completamente ignorata dall’amministrazione, la quale circa un anno dopo, nel marzo 2017, sui social definì il servizio mandato in onda su Quinta Colonna “una azione vigliacca di qualche collega orchestrata con qualche personaggetto politico che vuole crearsi solo il suo momento di visibilità”, rimarcando negli studi televisivi il suo punto di vista “il problema del Comune di Marigliano è l’efficienza non l’assenteismo, lei non troverà gente che passa il badge come avveniva da altre parti, non c’è un caso Nola”. Questa mattina i carabinieri hanno notificato la fine delle indagini sull’assenteismo nel Comune di Marigliano, rilasciando 61 avvisi di garanzia. A distanza di due anni il “personaggetto”, ha dimostrato che il suo obiettivo non era una misera “passerella politica”, ma ripristinare un pò di normalità all’interno del Comune, e grazie al fondamentale e meticoloso lavoro dell’arma dei carabinieri, posso dire che l’onesta a Marigliano sta tornando di moda”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti