mercoledì 28 Settembre 2022
HomePoliticaDocenti non abilitati, il Tar li dà ragione. Russo (FI): "Miur provveda"

Docenti non abilitati, il Tar li dà ragione. Russo (FI): “Miur provveda”

Scuola, Paolo Russo(FI): “Il TAR dà ragione ai docenti non abilitati. Ora il Miur provveda”

“Ancora una volta la giurisdizione amministrativa toglie le castagne dal fuoco alla politica risolvendo questioni che ministero dell’istruzione e uffici scolastici regionali si sono rimpallati. Il TAR del Lazio ha accolto il giudizio presentato dai docenti non abilitati che hanno partecipato e superato il concorso 2016 per il reclutamento del personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado e ha disposto l’inserimento a pieno titolo nelle graduatorie di merito”: é quanto afferma il deputato e responsabile nazionale del dipartimento Sud di Forza Italia, Paolo Russo a proposito della sentenza della giustizia amministrativa pubblicata il 22 febbraio scorso.

“Ora con un atto, seppur tardivo, il Ministero dovrebbe immediatamente allungare la validità della graduatoria e – aggiunge il deputato – comunque considerare questi docenti in una graduatoria ad esaurimento con opzione della loro immissione in ruolo anche in altre regioni in cui vi siano cattedre disponibili, per poter così risarcire questi valorosi docenti che hanno dovuto ricorrere alla giustizia per veder legittimate le proprie aspettative”.

“Prima che intervenga un altro tribunale amministrativo sia la politica a risolvere questa piaga di precarietà e contenziosi. Subito pronta una proposta di legge per garantire a questi vessati e tartassati docenti un percorso di stabilizzazione”, conclude Russo.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti